Vai al contenuto
17 dicembre 2011 / miglieruolo

Le ricette di Dost Distren 5

ricetta tratta dall’appendice (DOST DISTERN: UN CUOCO FANTASTICO) al  libro:

LA CORSA E L’INFINITO di CLAUDIA MARINELLI
EDIZIONI DELLA VIGNA

Un assaggio del romanzo potrà essere goduto collegandosi al seguente indirizzo:
http://www.edizionidellavigna.it/collane/FER/002/FER002.htm

 

Ho avuto occasione di gustare le prodezze gastronomiche di Claudia Martinelli in occasione della presentazione del suo romanzo. Le ho trovate deliziose. Ammetto di essermene ingozzato.


Per tale motivo, approssimandosi le feste, ho chiesto all’editore di autorizzarmi a pubblicare una quinta ricetta (le precedenti sono state postate il 15, 17,21 e 23 ottobre) che, sono sicuro, manderà in visibilio coloro che accetteranno di provarla.
Si tratta, è vero, di ricette spaziali, ma con i piedi ben piantati in terra. Dost Distern è cuoco di buon cuore. Ha calcolato che non solo i passeggeri delle astronavi avevano diritto e capacità di apprezzare, ma anche gli uomini di buona volontà della Terra.
I quali naturalmente non sono moltissimi. Perciò mi assumo la responsabilità di estendere la proposta a tutti. Sono certo che, dopo aver goduto anche una sola di queste cinque delizie, chi non lo è inclinerà a diventarlo.

Stordi lardellati

Gli stordi lardellati sono un simpatico stuzzichino che si può servire come aperitivo, antipasto o dolcetto per il tè. Questa ricetta è la base per qualsiasi stordo lardellato che si può poi farcire a piacere con ripieni dolci o salati.

Ingredienti (per 100 piccoli stordi lardellati)

250 g di acqua
150 g di farina
100 g di burro
4 uova intere
un pizzico di sale
un pizzico di zucchero

Mettere in una pentola l’acqua il burro, il sale e lo zucchero. Appena l’acqua bolle togliere dal fuoco e versare d’un solo colpo la farina.
Mescolare energicamente con un cucchiaio di legno e rimettere sul fuoco; si formerà in fretta una palla che
si staccherà dal cucchiaio e dalle pareti.
Cuocere ancora per due minuti, sempre mescolando, e quando si sente un lieve rumore, come se la pasta
friggesse, toglierla dal fuoco e rovesciarla sul tavolo della cucina per farla freddare più velocemente.
Quando la pasta sarà fredda, rimettetela nella pentola e aggiungere le uova: un uovo intero alla volta, e non
aggiungerne un altro se quello precedente non si è prima ben amalgamato (si può anche chiedere aiuto al robot di cucina, pregandolo di mantenere una velocità bassa).
Quando si saranno messe tutte le uova, continuare a lavorare la palla energicamente con un cucchiaio fino
a quando apparirà vellutata e farà qua e là delle bolle.
Preparare una teglia coperta di carta forno. Infilare la pasta in una tasca da pasticceria (oppure fare delle
palline con due cucchiaini) e “spremere” la pasta sulla teglia, ottenendo tante palline alle quali andrà data una forma tonda della grandezza di una grossa noce. Lasciare un po’ di spazio tra una noce e l’altra in quanto
gli stordi lardellati si gonfieranno col calore.
Cuocere in forno a 180° per 10-15 minuti. Lasciare raffreddare gli stordi lardellati in forno e, quando saranno
freddi, in ognuno di essi eseguire con le forbici un’incisione di due o tre centimetri dove si potrà infilare
il ripieno desiderato (crema pasticcera, crema di taryulo,…).
Nel caso il ripieno sia dolce, si potranno decorare con dello zucchero a velo.

Annunci

One Comment

Lascia un commento
  1. Claudia Marinelli / Dic 17 2011 12:40

    Grazie Mauro!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: