Vai al contenuto
16 marzo 2012 / miglieruolo

LA CGIL SI SPACCA SULL’ART. 18

MERCATO DEL LAVORO, LA CGIL SI SPACCA SULL’ART. 18.
IL 21 IL DIRETTIVO CHE DECIDERA’
da il MioGiornale.com
http://www.controlacrisi.org/notizia/Politica/2012/3/15/20682-mercato-del-lavoro-la-cgil-si-spacca-sullart-18-il-21-il/

Sull’articolo 18 si addensano nubi nere in casa Cgil. E il primo round tra Susanna Camusso e i segretari di categoria e territoriali segna sicuramente un ”meno uno” per la leader della Cgil. Il vero e proprio regolamento dei conti è rimandato direttivo, convocato per il 21 marzo. Chi ha avuto la fortuna di entrare, visto che all’opposizione interna è stata negata la partecipazione, parla di discussione molto articolata con molti interventi “diversi rispetto all’impostazione del segretario generale”. Ma i “non possumus”, soprattutto sull’Articolo 18, sono stati tanti: da Mimmo Pantaleo a Rossana Dettori, passando per alcuni segretari della Sardegna dell’Emilia Roma, e per finire a Nicola Nicolosi, membro della segreteria nazionale – ”sono fortemente contrario”, dichiara – e a Donata Canta, leader della Cgil di Torino. Se non fosse stata l’assemblea della maggioranza al governo in Cgil si potrebbe parlare di “levata di scudi”. Particolarmente acceso l’intervento del leader della Fiom Maurizio Landini che nel corso della manifestazione del 9 marzo aveva già fatto balenare l’idea dello sciopero generale.
La critica dei dissidenti contro la bozza di accordo per la parte che riguarda l’Articolo 18 è che si è in presenza di un indebolimento che equivale alla cancellazione. E se sugli ammortizzatori sociali, che pure tengono fuori i precari, si può ragionare, sui principi non si può transigere. Del resto è stata la stessa Cgil, e la stessa Susanna Camusso, a ribadirlo all’ultimo Comitato direttivo nazionale. A scricchiolare parecchio è anche la cosiddetta riduzione delle figure contrattuali. ”Non c’è nessuna riduzione delle 46 tipologie contrattuali – sottolineano i sindacalisti – perché se il Governo pensa di cavarsela con un sistema di disincentivi sul contratto a tempo determinato non si cambia proprio niente nella condizioni di chi è costretto vivere la frammentaria e l’incertezza totale del posto di lavoro”.
“Oramai è chiaro infatti che l’esercizio fondamentale in corso – sottolinea Giorgio Cremaschi, leader della “Rete 28 aprile” – è quello della propaganda bipartisan per piegare il sindacato confederale a firmare una sconfitta superiore persino a quella subita per le pensioni. I capisaldi del possibile accordo sono infatti agli occhi di tutti, altro che riservatezza!”.
Alla fine la partita sarà tutta politica. E passerà da una parte per la “fedeltà” al capo in Cgil e per la tenuta del Pd, visto che per far passare la cosiddetta riforma del mercato del lavoro stavolta si è speso direttamente Pier Luigi Bersani. Del merito non interessa niente a nessuno. Non interessa a tal punto che sono disposti anche a veder naufragare l’ultima possibilità, difendendo l’articolo 18, di mantenere la possibilità nei luoghi di lavoro di dar vita a una organizzazione sindacale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: