Vai al contenuto
20 aprile 2012 / miglieruolo

La cantastorie di Maria G. Di Rienzo

La cantastorie

da: http://lunanuvola.wordpress.com/2012/03/12/la-cantastorie/

L'immagine stessa dell'allegria. Felicità condensata, fatta carne. Fortunati coloro che possono starle vicino.

La sua prima idea era diventare una grande praticante di arti marziali, poi ha pensato di unire le parole ai movimenti del corpo ed è diventata una cantastorie. La Debbie Young nata in Giamaica e trasferitasi con la famiglia in Canada nel 1993 è oggi infatti D’bi Young Anitafrika, poeta, attrice, drammaturga che attraversa i continenti con i suoi spettacoli

ed i suoi seminari diretti alle comunità marginalizzate. I suoi lavori teatrali ed i suoi testi poetici sono stati pubblicati in quattro libri.

La 34enne D’bi è una figlia d’arte: sua madre Anita Stewart è infatti una delle pioniere della “dub poetry”, la poesia recitata su ritmi reggae che nacque durante gli anni ’70 dello scorso secolo per affrontare temi politici e di giustizia sociale. “I miei due bambini ed io siamo nomadi che non hanno una residenza permanente da 12 anni.”, racconta l’artista, “La gente che mi invita ha sempre cura di loro. Ho imparato a vivere in questo modo da mia madre, che accompagnavo durante i suoi tour. Non ci sono scorciatoie, ed io ne prendo. C’è chi dice il mio ottimismo sia immenso, ma se è così è grazie alle persone che siedono con me dovunque io reciti o insegni.”

Uno dei suoi versi più citati dice: “Zio Sam, rimettiti i pantaloni”. E Young spiega che non si riferisce solo ai numerosi “zii” che abusano sessualmente dei bambini: “E’ anche una metafora per l’egoismo dei capitalisti nel devastare la vita sulla terra senza una riflessione neppure minima su che impatto avranno le loro azioni. Essere consapevoli del rimando che si ha sugli altri è fondamentale: noi cantastorie siamo come specchi e dobbiamo maneggiare con cura quel che facciamo.”

Dire la verità, aggiunge Young, può arrecare sofferenza, ma se non temi di cercare e condividere conoscenza anche il dolore diminuisce: “Le persone sono la rivoluzione che desideri. La prima cosa con cui devi negoziare è la vergogna, ancor prima della verità. Guarda innanzitutto a te stessa, per il cambiamento. Se non la fai, finirai per parlare all’infinito di altre persone senza compiere nulla di concreto.” Maria G. Di Rienzo

2 commenti

Lascia un commento
  1. iraida2 / Apr 23 2012 17:17

    Che post interessante,grazie!

    • miglieruolo / Apr 23 2012 18:16

      Grazie a te di averlo messo in evidenza. Una boccata di ossigeno per diluire la nube velenosa di cattiveria che cresce attorno a noi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: