Vai al contenuto
10 giugno 2012 / miglieruolo

Il Giardino delle Polene di Veronika Santo


E’ appena uscito il volume di Veronica Santo “Il Giardino delle Polene” (Edizioni della Vigna, ISBN 978-88-6276-048-5, http://www.edizionidellavigna.it/collane/FER/012/FER012.htm), libro che presenta molteplici motivi di interesse. Sia in quanto permette di affacciarsi su una fantascienza contigua alla nostra ma ispirata da una sensibilità differente rispetto a quella a cui siamo abituati, la fantascienza dei balcani; sia per potersi accostare a una autrice “emergente” che offre una interpretazione personale dei tradizionali temi fantascientifici.


Il volume (presentato ai lettori il 7 giugno presso la libreria Enoarcano, Via delle Paste 106, nel pieno centro di Roma), in considerazione dei criteri ristretti adoperati dall’editore nella scelta dei testi – testi di ambientazione nei balcani – da cui poi il sottotitolo del libro e alcune scelte obbligate delle quali la scrittrice non mi ha nascosto il suo dissenso – presenta testi di valore disuguale; tutti però di sicuro interesse, guidati come sono dalla volontà e capacità dell’autrice di dare nuova linfa alla fantascienza; nonché di servirsene per manifestare la propria

da sinistra: Veronika Santo, Mauro Antonio Miglieruolo e Ugo Papi, durante la presentazione.

personale visione del mondo. Il che è il meglio che si possa dire di un autore. Porsi al servizio della fantascienza certamente sì, ma affinché la fantascienza serva a qualcosa: a far fare ulteriori passi in avanti alla letteratura in genere (quindi alla coscienza umana) e in particolare dare di che pensare alle coscienze critiche di coloro che a questo genere si accostano. Che a questo genere si accostano proprio per avere di che ruminare, di che rendersi conto.
Una sola riserva mi sento di opporre (mi perdonerà Veronica, ma è dovere mio di serietà e onestà; non solo nei riguardi del lettore, ma dell’autrice medesima. Il “tutto va bene Madama la Marchesa” non è il modo migliore di aiutare qualcuno a rendersi conto dei propri limiti e delle strade da intraprendere per superarli): le chiuse dei racconti, non assolutamente all’altezza della forza delle situazioni, delle ambientazioni e delle passioni rappresentate. Troppo soft, troppo sommesse. Troppo più adatte a romanzi (a un certo tipo di romanzo) che ai racconti (in particolare i racconti di Fantascienza). Non esito a affermare che quando avrà appreso a porre in migliore evidenze “le chiuse”, continuando a crescere, potrà diventare una delle stelle di prima grandezza nel firmamento della fantascienza europea.

ancora Veronika Santo, Mauro Antonio Miglieruolo e Ugo Papi

Annunci

3 commenti

Lascia un commento
  1. Claudia Marinelli / Giu 10 2012 12:51

    Ciao a tutti, la presentazione è stata interessantissima e ben condotta, e il libro che ho cominciato a leggere molto accattivante, si respira un’aria di “magia”. Brava Veronika!

    • miglieruolo / Giu 10 2012 13:24

      grazie Claudia. Veronika, come te d’altronde, è autrice da tenere d’occhio…

  2. cristina bove / Giu 10 2012 21:40

    Complimenti vivissimi!
    cb

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: