Vai al contenuto
6 luglio 2012 / miglieruolo

78 centesimi di Maria G. Di Rienzo

78 centesimi

di Maria G. Di Rienzo

Sì, la panchina, mi siedo

E il supermercato neppure lo vedo

Tanti anni come chicchi appassiti

Troppi volti che conoscevo svaniti

A quell’altezza là, ascolta, ascolta

Non c’era il parcheggio una volta

Tornavo a casa passeggiando fra i tigli

O andavo in bicicletta assieme ai figli

Tramonti e inverni, i profumi, le estati

Tu non ricordi quando c’erano i soldati

Oh dio, quelle divise nere, e i morti fucilati

Correvo veloce, ero svelta da bambina

E la nostra scuola era in cima alla collina

Non l’ho incontrato là, il mio monello

Tirava sassi con la fionda dal cancello

E già, parlo da sola, proprio come una matta

Si secca la bocca, la lingua pare di latta

Io adesso vorrei, vorrei una caramella

Menta fresca nel campo, assieme a mia sorella

Il presente e il passato – e non ho soldi per il supermercato.

La settimana scorsa, una signora di 76 anni ha rubato in un supermercato di Milano un pacchetto di caramelle da 78 centesimi. L’audacia del furto e l’ammontare clamoroso dello stesso hanno indotto il valoroso responsabile del punto vendita a rincorrere l’anziana, bloccarla e chiamare la polizia. La signora si è scusata e ha ammesso – Orrore! Una “sfigata”! – di non avere neanche uno dei 78 centesimi necessari all’acquisto. Le caramelle gliele hanno pagate i poliziotti, fra gli applausi dei clienti presenti.

Ho sentito dire che un filantropo nostrano, coetaneo della signora, abita proprio da quelle parti e ha ormai riversato su “ragazze bisognose”, purché nude o seminude, centinaia di migliaia di euro. Ovviamente l’anziana, per età, non risponde al requisito principale per ottenere sovvenzioni “olgettiniche”, ma che finisca svestita, grazie alle politiche economiche governative, è solo questione di tempo.

UNA BREVE NOTA

Questo testo è ripreso dal bellissimo blog lunanuvola.wordpress.com/ … Se rileggete con calma la filastrocca noterete che…. va beh, ve lo dico (in effetti era sfuggito anche a me): leggete la prima lettera di ogni riga e avrete una sorta di “prezzo della vergogna” ovvero quanto un “astratto” supermercato valuta la vita di una concreta donna. (db)

Concordo sulla bellezza del blog e mi dichiaro corresponsabile nella “distrazione”: anche io non mi ero accorto della particolarità della filastrocca.
Mam

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: