Vai al contenuto
28 ottobre 2012 / miglieruolo

Dossier fs 41

E ora un’abbuffata di copertine dei Romanzi di Urania. Senza parole, naturalmente. Ce ne vorrebbero troppe.


***

***
La tentazione di commentare però è troppo forte. Sommerso dai ricordi, contemplo questa copertine con il medesimo stupore di quando, appena adolescente, andavo scoprendo le meraviglie del possibile. Più possibile dell’assurda raltà dalla quale era circondato e che non mi pareva vera: che non volevo vera.
***

***
In questo caso il fascino del racconto di Wyndham, troppo nuovo, troppo fuori dagli stessi fantasiosi canononi fantascientifici, oscura la bontà dell’immagine.
Senza però riuscire a eliderla.
***

***
Non all’altezza dei lavori precedenti, degno di restare incluso nei gloriosi primi cento numeri di Urania. Secondo alcuni i migliori, più validi. Poi le cose sono degenerati e si è parlato dei primi mille. Spero di arrivare almeno al giorno in cui di dirà: i primi duemila…
***

***
Come far capire cosa è stato leggere L’Atomo Infinito. Oggi uno può pure sollevare un sopracciglio. Allora non solo piacque, sembrò persino prezioso. Persino insuperabile.
In un certo senso quell’impressione si è dimostrata vera: non è stato superato.
***

***
Della serie, grandi titoli, nomi altisonanti. La firma, Jean Gaston Vandel, degna di un eroe galattico, l’avrei piacevolmente più volte ritrovata.
***

***
Un testo che mi affascinò più per il tema (e l’ambientazione) che per lo svolgimento.
Gradevole e originale.
***

***
Una ottima copertina per un ancora più ottimo romanzo. Tra quelli sopravvissuti all’inclemenza dei decenni. Degni di essere cercati, letti e goduti.
***

***
La prima lettura mi aveva lasciato freddo, insoddisfatto. Avevo finito il testo a fatica. Cosa che non capitava mai, neppure con i lavori meno validi.
La seconda mi sbalordì. E’ sopravvissuto nel ricordo per la ricostruzione magistrale di un ambiente alieno e per tanti versi difficile da immaginare.
***

***
Procuratevolo. Leggetelo. Non ve ne pentirete.
Sempre che lo spirito sia giusto, la giustezza data dall’apertura alle mille facce possibili della realtà. Apertura al mondo dell’immaginazione.
***

***
Non ho mai amato questo autore. Non sono ingrato, però. E’ servito anche lui a rinsaldare il legame che mi tiene unito alla fantascienza. Una lettura alla quale non so rinunciare.
Mauro Antonio Miglieruolo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: