Vai al contenuto
27 novembre 2012 / miglieruolo

Con la Carta d’Identità appesa al collo

Formalmente, non ancora
(e speriamo MAI)
da lunanuvola di Maria G. Di Rienzo
http://lunanuvola.wordpress.com/2012/11/21/formalmente-non-ancora/

Il capo della polizia italiana è andato in questi giorni in televisione a farsi intervistare. Letti i resoconti di tale fatto, vorrei esplicitare le motivazioni per cui il capo della polizia italiana dovrebbe cambiare, a mio avviso, mestiere.

Chiamarsi Antonio, la cui etimologia rimanda alla parola “fiore” in greco, è inadeguato. Evoca troppo direttamente “le cellule di cospirazione di fuoco” parimenti greche che tramano per

gettare nel caos il nostro ordinato e felice paese. Inoltre, suggerisce immagini retrò di campeggi pacifisti e di cannoni ingozzati da fresie e giunchiglie. Siamo nell’epoca dei drone e del fosforo bianco, perbacco.

Avere per cognome Manganelli, nonostante le apparenze, è ancor più inadeguato! Tende infatti a dare della polizia italiana – e per estensione delle altre forze dell’ordine – un’immagine cialtrona e violenta, non professionale e assolutamente obsoleta. Voglio dire, siamo l’unico paese al mondo ad usare i “lacrimogeni rimbalzanti”, un prodotto d’avanguardia, ecosostenibile, derivato da una futuristica sinergia fra gli scarti delle palline da ping pong e i fumi delle discariche abusive… non siamo certi fermi ai semplici “manganelli”!

Ma scherzi a parte, il cuore dell’inadeguatezza del capo della polizia italiana sta in questa dichiarazione: “Il simbolo identificativo sui caschi è tra i temi oggetto non ancora di una trattativa ma certamente di un dibattito. Il discorso che fa l’operatore di polizia è: io mi faccio identificare perché tutto sommato lo ritengo giusto, ma ritengo che sia giusto anche identificare chi sta in piazza cioè chi costituisce l’altra metà del cielo.” In primo luogo: non c’è trattativa fra i dipendenti della polizia di stato e i cittadini italiani, non stiamo parlando di due blocchi sociali dagli interessi diametralmente opposti, ne’ di due “metà del cielo”, stiamo parlando di funzionari pubblici al servizio della nazione e della cittadinanza che quella nazione costituisce.

Secondariamente, non abbiamo bisogno che ogni singolo poliziotto dia il suo consenso al poter essere identificato: se per ventura io sottraggo il mio, di consenso, quando un operatore di polizia mi chiede la carta di identità costui assieme ai colleghi mi carica nella volante e mi porta in Questura. Posso io agire allo stesso modo, se l’operatore rifiuta la sua identificazione a me? Certamente no. La legge, in virtù delle funzioni di ordine pubblico che la polizia riveste, in nome di un benessere collettivo, dà ad essa questa facoltà, di cercare di identificarmi anche se io lo rifiuto. Quindi, qualora ci fosse finalmente una legge che rende i poliziotti antisommossa identificabili, una legge che finalmente li umanizza e li rende qualcosa di diverso da robot senza volto che alzano e abbassano automaticamente scudi e bastoni, in nome dello stesso benessere collettivo il singolo operatore dissenziente è tenuto a mettersela via, ok?

Terziariamente (passatemela, sono una giocoliera), come intende il capo della polizia identificare a priori chiunque decida di partecipare ad una manifestazione? Metterà in ogni piazza uno di quegli aggeggi da supermercato con i numerini di carta e noi, cittadini sensibili e obbedienti, ci attaccheremo il numero con lo sputo sulla fronte? O i bigliettini saranno tecnologicamente avanzati, come i nostri “lacrimogeni rimbalzanti”, avranno l’adesivo incorporato e diventeranno fluorescenti al calar del sole? Oppure pensa, il capo della polizia italiana, che per poter partecipare ad una dimostrazione dobbiamo fare un ingrandimento in fotocopia A4 della nostra carta d’identità e appendercelo al collo prima di entrare in corteo?

L’articolo 17 di quella vituperata cartaccia che è il fondamento del paese Italia, la sua Costituzione, recita: “I cittadini hanno il diritto di riunirsi pacificamente e senz’armi.” Il successivo rincara: “I cittadini hanno il diritto di associarsi liberamente, per fini che non sono vietati ai singoli dalla legge penale.” E l’articolo 21 si spinge ancora più in là: “Tutti hanno il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero…” E questo è il motivo finale per cui il capo della polizia italiana, a mio modestissimo e umile parere, dovrebbe dedicarsi ad altri interessi. Può darsi che lui conosca gli articoli della Costituzione a memoria meglio di me. Ma non sa (più) cosa farsene, a cosa servono, come di fatto regolano il suo ruolo e il ruolo del corpo delle forze dell’ordine di cui è membro, come di fatto regolano il mio ruolo di cittadina – e non di suddita. Solo le dittature pretendono di identificare in anticipo i loro contestatori, al chiaro scopo di intimidirli e/o farli sparire al più presto. Formalmente questo non è, ancora, il caso della Repubblica Italiana. Maria G. Di Rienzo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: