Vai al contenuto
29 novembre 2012 / miglieruolo

LINEA D’ORIZZONTE di Cristina Bove


LINEA D’ORIZZONTE

Messinscena d’azzurro
la ribalta
una platea di sabbia
tondeggianti minuzzoli di pomice
___________ cospargono la rena
tentavo di convincermi
nell’essere distesa
da secoli in attesa d’una voce
___________ dicevano di noi
lacrime disuguali
ma presto avrei saputo che le vele
non diventano ali
tu capitano d’una nave spersa
senza timone né destinazione
____________io diventai sirena
e fu impossibile
tornare a camminare
***
***
***

Nuotare nell’immane oceano dei sogni, le speranze catturate, tracciando il cammino per gli altri, e grazie! questo è il compenso del poeta
vedere e intravedere, mettere in chiaro, svelare ciò che è nascosto, e grazie! grazie di nuovo
questo dico di noi
che restiamo in attesa…
***
quando leggerete queste parole io sarò in Messico, ma potrò udirvi e forse leggervi
un abbraccio a tutti, con amore…
Mauro Antonio Miglieruolo

Annunci

7 commenti

Lascia un commento
  1. cristina bove / Nov 29 2012 08:22

    Buon soggiorno messicano, MAM.
    L’immagine che hai scelto è bellissima, grazie!

    ciao

  2. domenica luise / Nov 29 2012 17:18

    I poeti sono sirene capaci di cantare, ma che non sanno camminare come gli altri. Mi piace.

    • cristina bove / Nov 29 2012 20:13

      che bello Mimma! non sanno camminare… il guaio è che non sanno nemmeno nuotare nell’aria…
      grazie

      • miglieruolo / Nov 30 2012 12:32

        I poeti non sanno… sanno troppo per sapere le ordinarie cose del mondo. O se le sanno è a fatica, diversamente abili perché la natura li ha troppo dotati in un senso che è ammirato ma anche sottilmente negato.
        Quando sono morti li si celebra, quando vivi gli si volta le spalle. A volte li si lascia anche morire di fame.

        Ciao Cristina, salute a tutti. Scrivo ancora da Roma, sfiancato dall’influenza che mi ha impedito la partenza. Parto il tre dicembre e torno il 23. Giusto in tempo per farvi gli auguri.
        Bacioni

  3. cristina bove / Nov 30 2012 16:15

    Forse avere una profonda sensibilità e amare la poesia è già essere poeti.
    Anche senza scrivere versi. Perché si è vivi in ascolto della propria anima.

    Mi dispiace che tu abbia dovuto rimandare la partenza per l’influenza, ma il 3 è vicino e il viaggio sicuramente ti ritemprerà.
    Ci faremo gli auguri al tuo ritorno.
    bacioni anche a te.

  4. box.com / Apr 6 2013 15:33

    What’s up, I read your blog regularly. Your writing style is witty, keep it up!

Trackbacks

  1. un giovedì « cristina bove

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: