Vai al contenuto
15 giugno 2013 / miglieruolo

Albrecht Altdorfer

Albrecht Altdorfer (1480 circa – Ratisbona, 12 febbraio 1538)
pittore tedesco, contemporaneo di Albrecht Dürer, fondatore della Scuola danubiana


Altdorfer, Albrecht (1480-1538)altdorf1
e uno dei principali artisti del Rinascimento tedesco, oltre che pittore anche architetto, incisore, scultore, calcografo e disegnatore per xilografie.
Altdorfer, Albrecht (1480-1538)altdorf5
Dipinse rappresentazioni religiose e mitologiche, ma furono in particolare i suoi paesaggi a renderlo celebre per la loro bellezza: furono creati dall’artista non per illustrare storie e parabole, ma con il proposito di esaltare il fascino della natura e delle figure umane che si muovono all’interno di essa.
Altdorfer, Albrecht (1480-1538)altdorfer4
Altdorfer fu il primo a portare il paesaggio come soggetto indipendente in pittura, dopo le prove su disegno e ad acquerello di Leonardo e Dürer.
Altdorfer, Albrecht (1480-1538)altdorf9
Opere principali
• Dittico, 1507, tavola, 24×21 cm ciascun pannello, Berlino, Gemäldegalerie
• Famiglia dell’uomo selvatico, 1507, tavola, 23×20 cm, Berlino, Gemäldegalerie
• Arresto di Cristo, 1509-1516, olio su tavola, 129,5×97 cm, Sankt Florian bei Linz, Augustiner Chorherrenstift
• San Giorgio nella foresta, 1510, tavola, Monaco di Baviera, Alte Pinakothek,
Landscape_with_Path_WGA• Riposa dalla fuga in Egitto, 1510, olio su tavola, 57×38 cm, Berlino, Gemäldegalerie
• Cristo sulla croce tra Maria e san Giovanni, 1512 circa, tavola, 102×116 cm, Kassel, Gemäldegalerie
• Grande abete, 1512-1522, incisione acquerellata, 22,5×17 cm, Coburgo, Kunstsammlungen der Veste Coburg
• Natività, 1513 circa, tavola, 36×26 cm, Berlino, Gemäldegalerie
• Resurrezione di Cristo, 1516 circa, olio su tavola, 70,5×37,3 cm, Vienna, Kunsthistorisches Museum
• Sepoltura di Cristo, 1516 circa, olio su tavola, 70,5×37,3 cm, Vienna, Kunsthistorisches Museum
• Comunione degli apostoli, 1516-1518, olio su tavola, 42×32,5 cm, Berlino, Gemäldegalerie
• Bella Madonna, legno, Ratisbona, Stiftskirche Sankt Johann
Loth_and_his_Daughters_WGA• Paesaggio con un ponte, 1518 circa, tavola, 42×35,5 cm, Londra, National Gallery
• Flagellazione di Cristo, 1518, olio su tavola, Sankt Florian bei Linz, Augustiner Chorherrenstift
• Congedo di san Floriano, 1518-1520 circa, olio su tavola, 81,4×67 cm, Firenze, Galleria degli Uffizi
• Martirio di san Floriano, 1518-1520 circa, olio su tavola, 76×67 cm, Firenze, Galleria degli Uffizi
• Paesaggio, incisione, Vienna, Graphische Sammlung Albertina
• Bella Madonna di Ratisbona, 1519-1520, xilografia, 34×24,5 cm
• Natività della Vergine, 1520 circa, olio su tavola di pino, 140,7×130 cm, Monaco di Baviera, Alte Pinakothek
• Cristo sulla croce, 1520 circa, tavola, 75×57,5 cm, Budapest, Szépmûvészeti Múzeum
• Commiato di Cristo dalla madre, 1520 circa, olio su tavola, 141×111 cm, Londra, National Gallery
• Paesaggio danubiano, 1520-1525, tavola, 30×22 cm, Monaco di Baviera, Alte Pinakothek
• Madonna col Bambino, 1520-1525, tavola, 49,4×35,5 cm, Budapest, Szépmûvészeti Múzeum
The_Battle_of_Alexander_WGA• Ritratto di donna, 1522 circa, olio su tavola, 59×45 cm, Madrid, Museo Thyssen-Bornemisza
• Crocifissione, 1526 circa, tavola, 29×21 cm, Berlino, Gemäldegalerie
• Susanna al bagno e lapidazione dei vecchioni, 1526, tavola, 74,8×61,2 cm, Monaco di Baviera, Alte Pinakothek
• Battaglia di Alessandro e Dario a Isso, 1529, tavola, 158,4×120,3 cm, Monaco di Baviera, Alte Pinakothek
• Amanti, 1530 circa, affresco staccato, 36×40 cm, Budapest, Szépmûvészeti Múzeum
• Lot e le sue figlie, 1537, olio su tavola, 107,5×189 cm, Vienna, Kunsthistorisches Museum
***
Altdorfer, Albrecht (1480-1538)altdorfer9
***
Notizie desunte da Wikipedia.

2 commenti

Lascia un commento
  1. Grandeclaudios / Giu 15 2013 18:31

    Che strano! Mi trovo in ungheria dove ci sono tantissime chiese barocche, ma l’impressione o anzi la sensazione che provo davanti a tutte queste opere d’arte e’ sempre la stessa: talento sprecato. Quanto talento è” stato sprecato per produrre opere che servivano solamente a glorificare il papa il vescovo il cardinale o qualche principe elettore con il doppio mento. Gente che voleva solo perpetuare la propria potenza o continuare a mantenere il popolo nell’ignoranza. È poi, sempre i soliti gesucristi crocifissi, le madonne addolorate, le passioni e resurrezioni replicate all’infinito per renderlo….vere. La bugia, ripetuta diventa verità .

    • miglieruolo / Giu 18 2013 14:51

      Il tuo commento solo in parte è condivisibile. Esso risponde positivamente al bisogno di denunciare determinati atteggiamenti e risultati dell’attività artistica, tra i quali è da annoverare la subordinazione psicologica ai potenti (che spesso diventa servilismo) da parte degli artisti; tuttavia non esaurisce i discorsi e i significati che possono essere individuati in determinate opere d’arte, significati che costituiscono le fondamente del loro perdurante successo: successo anche in culture estranee al cattolicesmo.
      Il bisogno di trascendenza, ad esempio; la rappresentazione del dolore umano, la religione come redenzione oltre che come reclusione in una ideologia di sostegno all’esistente. E ancora: il mito, la sensualità, la bellezza, la necessità, intrinseca a ogni uomo, di armonia, di perfezione. E più di tutto forse l’esorcizzare la paura della morte attraverso la morte.
      Grazie, comunque, ho apprezzato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: