Vai al contenuto
22 luglio 2013 / miglieruolo

Jacopo Bellini

Jacopo Bellini (Venezia, 1396? – 1470?)

di Mauro Antonio Miglieruolo

***

madonna_and_child_blessing

madonna_and_child_blessing

Pittore italiano, padre di altri due altri noti pittori: Gentile e Giovanni Bellini. È stato protagonista del Rinascimento italiano e veneziano. I legami con la Costantinopoli bizantina e islamica del XV secolo, saranno al centro dell’intenso incontro con lo storico dell’arte Giovanni Carlo Federico Villa.

La sua opera, al pari di quella di Antonio Vivarini, si pone tra la fine del gotico internazionale e l’inizio del Rinascimento nella città lagunare. In essa possiamo cogliere una progressiva adesione agli stilemi rinascimentali, coniugando i modi internazionali, appresi da Gentile da Fabriano, con la passione antiquaria.

Madonna col Bambino

Madonna col Bambino

Quest’ultima ebbe modo di apprenderla sia a Venezia, a contatto con l’opera di artisti toscani attivi in città, quali Paolo Uccello, Nanni di Bartolo, Fra Filippo Lippi, Andrea del Castagno, Masolino da Panicale e Beato Angelico, sia nei suoi viaggi, tra Firenze, Ferrara e soprattutto Padova, dove si diffondeva un umanesimo “epigrafico-archeologico”, degli antiquari Ciriaco d’Ancona, Felice Feliciano e Giovanni Marcanova e della bottega dello Squarcione, dove lavorava il giovane Andrea Mantegna.

Nel 1411-1412 a Foligno affresca con altri allievi Palazzo Trinci. Nel 1423 è a Firenze, dove conosce le opere dei giovani artisti fiorentini: Brunelleschi, Donatello e Masaccio. Nel 1424 è ricordato a Venezia, dove apre una attivissima bottega in cui, dopo il 1450, entrano anche i figli Gentile e Giovanni.

La tavola con la

Madonna_with_child_adored

Madonna_with_child_adored

Madonna col Bambino, dell’Accademia Carrara, in passato attribuita a Gentile da Fabriano, è del 1430. La scena rappresenta il Bambino mentre gioca con un pettirosso, simbolo, per la macchia rossa sul petto, della sua futura morte. Gli arabeschi in oro su nero del fondo sono stati aggiunti in seguito, forse per riprodurre la decorazione originaria.

Sempre ai primi anni trenta viene fatta risalire la tavola della Madonna con Bambino, del Museo Cagnola, assegnata in passato a Jacobello del Fiore, anch’essa facente parte di un polittico. Nella rappresentazione la Madonna seduta in trono tiene in piedi, sul ginocchio destro, il Bambino che allunga lo sguardo e il braccio verso il cardellino, posato sul bracciolo destro del trono, simbolo della futura passione.

Madonna_with_child

Madonna_with_child

Nel 1436 soggiorna a Verona, dove dipinge una Crocifissione per il Duomo, andata perduta.

Si reca in seguito a Ferrara dove, insieme a Leon Battista Alberti, si pone al servizio di Lionello d’Este. Qui realizza, nel 1441, il ritratto di Lionello, andato perduto. Allo stesso periodo risale la Madonna dell’Umiltà, databile al 1440 circa.

Tornato a Venezia, mostra apertura alle forme rinascimentali, ispirata dall’opera di Masolino da Panicale, attivo in città tra il 1435 e il 1440. Il cambiamento è visibile nella Madonna col Bambino della Pinacoteca di Brera, datata al 1448, in cui il parapetto e il libro aperto sono in prospettiva e nelle figure si accentua la monumentalità, stilema ravvisabile anche nella Madonna col Bambino degli Uffizi (1450) e nella Madonna col Bambino della Galleria dell’Accademia Tadini di Lovere.

Vergine-dell-umilta

Vergine-dell-umilta

Del 1455 circa è la Madonna col Bambino benedicente e cherubini delle Gallerie dell’Accademia di Venezia.

Nel 1460 soggiorna a Padova, dove indirizza al classicismo il giovane Andrea Mantegna. Del 1465 circa è la Madonna col Bambino del LACMA di Los Angeles.

All’ultima fase dovrebbero appartenere sia il rovinato Crocefisso del Museo di Castelvecchio di Verona, opera costruita con una rigorosa prospettiva, sia l’ Annunciazione in Sant’Alessandro a Brescia.

***

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: