Vai al contenuto
30 ottobre 2013 / miglieruolo

Pietà? L’ha mangiata la vacca

Mia nonna, una vera personaggia (controversa, deprecabile e affascinante allo stesso tempo) aveva una riserva di “detti/proverbi” che non ho mai sentito ripetere da nessun altro. Alcuni, l’ho capito crescendo, erano storpiature di frasi in altre lingue – come il suo famoso “zan zan falagherr” con cui era solita biasimare il culto del denaro, che alla fine era “l’argent fait la guerre”.

Oggi mi sono ricordata della sua risposta preferita a considerazioni sulla spietatezza e la mancanza di sensibilità: “La pietà (la compassione, l’empatia, la simpatia) l’ha mangiata la vacca.” E si dev’essere mangiata anche il più banale buon senso, il livello elementare di educazione, le nozioni di civiltà e rispetto: un ragazzo gay si uccide a 21 anni, lasciando scritto – e a me sembra un grido in cui sofferenza e speranza si intrecciano – a chi ha atteggiamenti di odio per l’omosessualità di “fare i conti con la propria coscienza”, e quelli che seguono sono i commenti sotto gli articoli di cronaca che riportano la sua morte (ho corretto punteggiatura e aggiunto accenti e lettere mancanti, gli altri errori sono rimasti).

E basta con questa lagna dell’omofobia! Ci sono e ci sono sempre state persone deboli che non reggono i problemi della vita e altri che li affrontano. Se ci fosse stata adozione libera, matrimonio e sesso libero tra gay in giro con tutti gli etero che applaudono, si sarebbe suicidato lo stesso!”

Ma dopo che ti sei ammazzato non hai risolto nulla, hai fatto solo una vigliaccata a tutte le persone, genitori compresi che ti hanno voluto al mondo, la vita e’ unica e se penso a quanta gente con gravissime malattie e patologie gravi lotti ogni giorno per sopravvivere e uno a 21 anni butta tutto nel cesso per una cazzata del genere… Hai altri gusti sessuali e allora ??? Fa incazzare altro che “poverino”, poveri quelli a cui lui con il suo inutile gesto ha regalato dolore e lacrime.”

Poteva espatriare… che cosa ti ammazzi a fare… allucinante… addirittura suicidarsi!”

E’ inaccettabile che un giovane deve arrivare al suicidio pensando di ESSERE (se stesso) GAY e di non poter più cambiare la sua vita e non sa che AVERE emozioni omosessuali non vuole affatto dire ESSERE Gay. Omosessualità e cambiamento informazioni scientifiche per adolescenti e famiglie oltre le menzogne delle associazioni lgbt (omissis, seguono indirizzi).”

Perché allora non una pena aggravante per chi discrimina chi ha le orecchie a sventola oppure per chi discrimina chi è ciccione, sono sicuro che se si indaga nelle cronache troveremmo persone che sono state vittime di violenze di questo genere.”

La vacca ha ruminato tutto, e i risultati sono questi. Nemmeno di fronte ad un cadavere hanno trovato il pudore del silenzio, la necessità di riflettere. Niente li ha interrogati. Niente li ha scossi. Nessuna pietà per il non-conforme, chiunque egli/ella sia. Normalizzazione del bullismo nei suoi confronti e “ridicolizzazione” della reale portata dello stesso (orecchie a sventola, ciccione). E visto che ci siamo, approfittiamo dell’occasione per condannarlo di nuovo (debole, vigliacco, cosa ti ammazzi a fare) e per cercare di vendere le nostre stronzate sull’andare “oltre l’omosessualità” spacciandole per “informazioni scientifiche”. Il giovane suicida c’è già andato, oltre, e la scienza non sa nemmeno chi siete: abbiate un minimo di creanza e scendete dal piedistallo, padreterni.

Le persone non rispondenti ai vostri fottuti modelli restano persone, hanno titolo al medesimo rispetto a cui siete titolati voi, e ai medesimi inalienabili diritti umani, compreso quello di essere chi sono: non devono spiegarlo a voi, giustificarlo con voi, scusarsi con voi, ed è vergognoso che debbano sopravvivere parando le vostre aggressioni, ed è vomitevole che continuiate ad aggredirle anche quando sono morte.

Il problema delle persone con le orecchie a sventola non è avere le orecchie a sventola, ma essere dileggiati per esse.

Il problema delle persone ciccione non è la loro ciccia, ma l’essere bullizzate, stigmatizzate, insultate, discriminate per essa.

Il problema delle persone omosessuali non è essere omosessuali, ma l’essere odiati perché sono tali.

Il processo con cui ci si arriva è semplicissimo: si definisce un gruppo di persone identificandole per una sola delle loro caratteristiche, si collega questa caratteristica a qualche male sociale e poi si incoraggia la società a biasimare tale gruppo per i propri problemi. Stereotipizzazione e disumanizzazione conducono a pensare al gruppo come “nemico”. Questi nemici meritano di essere assaliti, sviliti, svergognati – i più ipocriti diranno di farlo per “il loro bene”, i più rozzi li odieranno e li attaccheranno senza scuse, semplicemente perché esistono.

E coloro che sono colpiti dallo stigma sociale tenteranno, almeno una volta, di cambiare nella speranza che si smetta di farli sanguinare, simbolicamente o realmente, ogni santo giorno. E cioè: il vostro odio penetra sotto la loro pelle. Alcuni, nel processo, la pelle ce la rimettono.

Ma la cura per lo stigma sociale non è far cambiare le persone: nessuno ha il diritto di chiederlo, meno che mai di pretenderlo o imporlo. Molte non vogliono, molte non possono, tutte hanno il diritto di veder rispettata la loro umanità e dignità. La cura è mettere fine allo stigma sociale: e se proprio non riuscite a posare fiori su una tomba, deboli vigliacchi ipocriti, almeno evitate di sputarci sopra. Maria G. Di Rienzo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: