Vai al contenuto
22 luglio 2014 / miglieruolo

«Il teorema del bus 94» di Lorella Zanardo

un esperimento psicosociologico tratto dal blog di Daniele Barbieri

Da anni a luglio ripeto un esperimento il cui esito finale spero mi sorprenda ma che finora mi ha dato sempre eguale risultato.

La 94 è una linea di autobus a Milano […] molto frequentata. Attendo una mattina quando la temperatura e l’umidità sono altissime […] e intorno alle 11 vado alla fermata della 94.

Salgo e mi assale il caldo opprimente, l’aria è irrespirabile, gli abiti si appiccicano al corpo, la promiscuità con gli altri rende il tragitto più faticoso […].

Tutti i finestrini sono chiusi.

Mi faccio strada educatamente fra i passeggeri e, in silenzio, comincio ad aprire il primo finestrino […]. L’impresa non è agevole: i finestrini a scorrimento resistono […]

Dal secondo finestrino in poi tutti gli sguardi erano su di me […] Dal secondo finestrino in poi l’interesse svagato delle persone intorno a me diventa attenzione interrogativa, come se proprio non si spiegassero cosa sto facendo: come se l’apertura del primo finestrino rispondesse a un desiderio personale di soddisfare un mio bisogno di refrigerio. Ma l’apertura del secondo, del terzo… perché?

Con la terza faticosa apertura accade quasi sempre che un passeggero mi si avvicini e, senza che ci sia un accordo verbale, si sporge con me e mette la mano accanto alla mia per rafforzare la spinta  […]. Dal quarto in poi altri si avvicinano  […].

Sempre, verso la fine, qualcuno – di solito anziano – dice a voce alta: «Era ora, si moriva di caldo». Molti annuiscono […].

E allora finalmente chiedo a voce alta e con sincera curiosità: «Ma scusate, se avevate caldo perché non li avete aperti voi i finestrini?». Alla domanda, negli anni segue sempre un silenzio tra l’imbarazzato e l’interrogativo […].

Ho verificato che sulla 94 né quest’anno né negli anni precedenti sia mai stato esposto un cartello che vieti l’apertura dei finestrini.

UNA NOTA E UN DOPPIO INVITO

Questa bellissima storia, che ho un pochino sintetizzato, apre «Il corpo delle donne» di Lorella Zanardo, che Feltrinelli ha da poco pubblicato (13 euri per 208 pagine). Come spero molte e molti sappiano quel titolo – «Il corpo delle donne» – rimanda a un documentario, choccante nella sua normalità, che per fortuna negli ultimi tempi ha circolato sia in rete (lo si può vedere cliccando su www.ilcorpodelledonne.net) che dal vivo. Io a esempio ne ho visto un frammento l’anno scorso ai Mondiali antirazzisti: fra le tante cose per me impressionanti vi fu la reazione di straniere/i che spesso chiedevano, con sincera ansia: «ma anche la Rai, cioè una tv di Stato, trasmette questa roba? Ma veramente voi in Italia permettete che le donne vengano offese in questo modo volgare, violento e fascista?».

Vorrei aggiungere due inviti.

Il primo è, se non lo avete già fatto, vedere il documentario e magari organizzare proiezioni pubbliche ma ora anche leggere, consigliare, regalare, far circolare questo bel libro che ne è una naturale prosecuzione.

Il secondo invito è riflettere con calma su questo straordinario teorema del bus 94 e in particolare sulle frasi «come se proprio non si spiegassero» e poi «ma perché non li avete aperti voi?». Da tempo mi ronza in testa un’ideuzza che, da settembre, mi piacerebbe trasformare in una rubrica – la vorrei scritta collettivamente – su questo blog: ovvero raccontare minime storie quotidiane (che sono però anche straordinarie metafore, lezioni di buona politica) come quella appunto del bus 94. Il titolo che vorrei proporre rimanda a una espressione molto usata a Roma, forse non troppo educata ma efficace: «a un passo dal culo mio». Spero ne riparleremo.

Annunci

2 commenti

Lascia un commento
  1. grandeclaudios / Lug 22 2014 09:29

    a me invece capita il contrario: spesso gli autobus con l’AC (=aria condizionata) viaggiano in estate, con il massimo del calore…con quasi tutti i finestrini aperti, con la conseguenza che l’effetto del raffreddamento viene vanificato!
    E’ come se volessimo riempire d’acqua una pentola bucata.
    L’autista al quale segnalo il fatto (e anche una volta a uno sparuto gruppetto di controllori/verificatori) alza le spalle: “e che me tocca a me de fallo?”.
    Allora io mi alzo e comincio a chiudere tutti i finestrini.
    Nessuno mi aiuta, ma quasi tutti mi guardano, chi spaventato/a (il finestrino a scorrimento, chiudendosi, fa un botto), chi interrogandosi su questa pazza persona che chiude tutti i finestrini.
    Mai nessuno che mi abbia aiutato o abbia detto: “Bravo, era ora!”.
    Sono un alieno?

    • miglieruolo / Lug 25 2014 14:45

      Sì,
      alieno in un mondo di alieni… o meglio, di totalmente rassegnati, tanto rassegnati al peggio da salutare come un miglioramento il peggio ancora (Renzi). E solo perché sarebbe comunque un cambiamento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: