Vai al contenuto
17 agosto 2014 / miglieruolo

Cento e passa pittori naif – 69, L’arte naif di Zenone (Emilio Giunchi) 3

Di Mauro Antonio Miglieruolo
***
Emilio Giunchi, e un pittore naif molto conosciuto in Italia e all’estero come Zenone, nome d’arte con il quale firma i suoi quadri. L’artista spiega il motivo di tale pseudonimo: ” In arte ho scelto questo appellativo perché mi lega a un ricordo importante, difatti Zenone è il Santo celebrato il giorno in cui eseguii il mio primo dipinto”.

1378_large_DSC03385
Nato ad Arezzo nel 1936, si è sempre dedicato alla cultura e all’arte. Inizia la sua attività negli anni ’60, ma solo nel decennio successivo comincia a esibire i suoi quadri.

3413_large_DSCN0299
Emilio Giunchi appartiene al gruppo di artisti italiani “naive” molto apprezzati in Europa per il loro stile particolarmente puro. Dipinge dal 1972.

3414_large_DSCN0300
Personalissima, ironica e raffinata la sua interpretazione del naif, fondata su una concezione naturalistica e su una semplificazione degli elementi architettonici sia rurali che cittadini. Nei suoi quadri c’è molta festosità, molto colore e un gusto primitivo nel raccontare la vita e la gente.

3416_large_DSCN0302
Ama raffigurare inverni colorati ed scene idilliache di preti, suore e gente di campagna intenti a lavorare nei giardini, o che salutano l’avvento di un nuovo giorno.

il_barcarolo
Zenone crea deliziose cittadine disposte in modo da mostrare gli elementi architettonici peculiari ai paesaggi toscani.
RECENSIONI:

primavera-al-santuario
“La pittura di Zenone è un grande racconto popolare dai toni gioiosi e commossi , un libro aperto che ci insegna e ci fa riflettere”

processione
“Nei quadri di Zenone è tutto un eden gioioso e popolare, una dolce, serena e coordinata arcadia, talché lo spettatore si sente il cuore allargare, i nervi distendersi e il respiro dilatarsi”

processione_di_frati
“Espressioni di una personalità semplice, spontanea, i dipinti di Zenone presentano scorci di paesi e casolari isolati , color ocra, solidi nell’aspetto , contornati da un paesaggio riconoscibile nelle colline toscane.”

ritorno-al-paese
“Disegna la realtà in veste ingenua, semplice, scandita in chiese, paeselli, prati dove corrono fraticelli o suorine , albe, tramonti o notturni con un cielo purissimo dove ad un tratto campeggia grande un vaso decorato traboccante di fiori squillanti…”

suore
“E ancora distese di campi, casolari, donne che raccolgono i frutti, contadini che lavorano la terra, fedeli che si avviano alla chiesa,tutti i personaggi immersi in una luce cromatica traslucida, in un’atmosfera serena, dove ogni figura o particolare emana un rapporto pacificato con il mondo, un’armonia di valori incontaminati.”

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: