Vai al contenuto
28 settembre 2014 / miglieruolo

Pantani, non solo un cognome

dal blog di Daniele Barbieri

Dopo la riapertura delle indagini, una chiacchierata con il regista Marco Martinelli che nel 2012 aveva portato sulle scene un testo scettico sulla morte del “pirata” (*)

Il gioco di parole è persino troppo facile: da una parte è il cognome di un campione, dall’altra si può alludere ai “pantani” della repubblica, al fango che nasconde tante verità, come dice il regista Marco Martinelli: “misteri d’Italia” finiti nella sabbia, impantanati appunto.

28settmarco-pantaniA 10 anni dalla morte e dopo una nuova perizia, le indagini su Marco Pantani – il ciclista romagnolo soprannominato “il pirata” per la bandana non meno che per il suo stile di corsa – sono state riaperte. L’ipotesi è che Pantani sia stato picchiato e «costretto a bere cocaina». E’ «un atto dovuto» spiega il procuratore Paolo Giovagnoli, precisando che in ogni caso non ci sono indagati. Le reazioni sono per lo più scettiche ma è pur vero che la prima inchiesta sulla morte del campione di Cesenatico fu giudicata superficiale da molti.

Pantani fu trovato privo di vita nel residence «Le Rose» a Rimini il 14 febbraio 2004: «conseguenza accidentale di overdose» decisero i giudici. I genitori di Pantani non hanno mai creduto al suicidio. La mamma, Tonina Belletti, lo ha ribadito in tante circostanze e interviste: «secondo me Marco aveva pestato i piedi a qualcuno, perché parlava di doping». E ancora: «io aspetto la verità, su Rimini come su Madonna di Campiglio», riferendosi alla gara in cui il campione risultò dopato.

Il 10 novembre di tre anni fa la Cassazione aveva assolto «perché il fatto non costituisce reato» il presunto pusher di Pantani, imputato di averne provocato la morte con la vendita di cocaina purissima.

C’è chi, mettendo pesantemente in dubbio la versione ufficiale della morte del “pirata” e partendo da un libro di Philippe Brunel, ha costruito uno choccante spettacolo teatrale: «Pantani» è stato scritto nel 2012 dal regista Marco Martinelli con l’attrice Ermanna Montanari (che in scena è Tonina, la madre del ciclista).

Ho raggiunto Martinelli a Ravenna, alle prove del suo nuovo spettacolo «Vita agli arresti di Aung San Suu Kyi» e, complice la notte, ho dialogato con lui su Pantani con il contorno di Romagna, teatro e frullatori mediatici.

Sei sorpreso per quello che è successo negli ultimi giorni? Non è un po’ tardi (e tipicamente italiano forse) per riaprire una inchiesta?

«Siamo il Paese delle verità insabbiate, da sempre. Per questo noi abbiamo intitolato lo spettacolo “Pantani”, perché da una parte è il nome del campione, dall’altra allude ai “pantani” della repubblica, al fango che nasconde tante verità lasciate ad affondare. Però non mi ha sorpreso, la riapertura dell’inchiesta: Brunel, con cui avevo parlato alcuni mesi fa, me lo aveva come anticipato».

28settPantani_sdato_all_arrivoMi incuriosisce la genesi di «Pantani» (per chi volesse leggerlo il testo è pubblicato da Luca Sossella Editore).

Nella scrittura del vostro testo tu ed Ermanna dovete molto al libro del giornalista francese Philippe Brunel («Gli ultimi giorni di Marco Pantani», Rizzoli 2007) o siamo dalle parti della telepatia?

«Il bellissimo libro di Brunel è stata la miccia che ha acceso tutto. Poi è seguito un lungo lavoro di scavo: abbiamo letto, ci siamo appassionati a uno sport che conoscevamo a malapena, e soprattutto, a partire da Tonina e Paolo, i genitori del “pirata”, abbiamo raccolto tante testimonianze di prima mano. Quel vedere Pantani negli occhi e nei racconti dei testimoni, come se fosse ancora vivo tanto era presente nei loro racconti – dai suoi colleghi Conti e Fontanelli agli amici Jumbo e Califfo, fino alla sorella Manola, all’allenatore nei dilettanti Roncucci e tanti altri – è stato fondamentale».

Il vostro rapporto con la Romagna è noto a chi segue il teatro e anche in «Pantani» la storia di questa regione torna prepotente… Tu in scena avevi già portato il calcio, ma che legami avevi con il ciclismo prima di Pantani?

«Ero un tifoso di Gimondi, da piccolo. Mi inteneriva quel suo combattere contro il potere sovrumano di Merckx, quel non mollare mai. Anche a scuola tifavo per Ettore contro Achille. Crescendo, il calcio ha monopolizzato tutta la mia passione sportiva. Finito di scrivere “Pantani”, mi sono reso conto che il ciclismo è capace di leggende che stanno alla pari di quelle del pallone. Riguardo alla Romagna, e fuori da ogni retorica, Pantani ne incarna un’anima profonda, anarchica e popolare».

Non è forse un caso che uno degli scrittori italiani più letti eppure meno incasellati nella fabbrica di bestseller, cioè Valerio Evangelisti, abbia iniziato – con «Il sole dell’avvenire» – una trilogia sulla Romagna fra ‘800 e ‘900. Ma quell’anima ribelle è oggi quasi messa da parte. Anche il ribelle Pantani è… una biglia gigantesca usata come pubblicità all’ingresso di Imola.

Suggestiva l’idea di un bambino gigante che gioca a palline con “il pirata”. Tu che idea ti sei fatto di chi ha giocato con la vita di Pantani?

«A me ha interessato soprattutto la morte sportiva, quella del 5 giugno 1999 a Madonna di Campiglio, perché quella biologica ne è la triste conseguenza, dopo un’agonia durata cinque anni. In quella morte sportiva, sono tanti ad avere responsabilità morali, se non giuridiche: le istituzioni del ciclismo, i media e qualche triste figuro. Sono felice quando alla fine dello spettacolo tanti spettatori vengono da noi, a ringraziarci per aver capovolto la vulgata del Pantani colpevole, del “montone nero”: in loro si mescolano commozione e indignazione, le stesse che ci hanno guidato nella creazione».

CYCLISME-PANTANINon è una novità («tre volte nella polvere, tre volte sull’altar») che per molti personaggi famosi non c’è via di mezzo fra stelle e stalle. Secondo te nel fango mediatico su Pantani (ma – all’opposto – anche nella sua intoccabilità… a prescindere) c’è qualcosa di particolare?

«Credo sia un caso da manuale di capro espiatorio. Farebbe la felicità di Renè Girard, se il grande antropologo avesse voglia di analizzarlo. Un intero mondo doveva ripulirsi, meglio doveva far finta di ripulirsi: colpire Pantani era l’ideale, permetteva di esibire la faccia pulita del sistema, permettendo di continuare a giocar sporco. Non dimentichiamo che gli anni della crocifissione di Pantani sono gli stessi della esaltazione di Lance Armstrong: oggi sappiamo bene che macchina da guerra avesse messo su il texano e con quali complicità. Cosa che faceva particolarmente innervosire il povero Marco, che nel vedere Robocop (come lo chiamava lui) stravincere un Tour dopo l’altro, si chiedeva: ma a quello lì, non gli dice niente nessuno?».

I tanti appassionati di ciclismo non hanno certezze per dire che Bartali e Coppi (o “il cannibale” Merckx che vinceva tutto) fossero esenti da doping. Ma lo sperano. Oggi invece ogni volta che parte una grande corsa ciclistica si dovrebbe essere tristemente sicuri che sfilano le droghe più moderne… spesso impunite, aggiungendo l’ipocrisia di una società dove si colpevolizza per uno spinello.

Martinelli, che effetto ti fa tutto questo? Dove collochi Pantani nel circo? Fra quelli che comunque hanno sovvertito alcune regole, fra coloro che dovevano finire stritolati oppure…?

«Fra quelli che hanno cercato di cambiare le regole. Fra quelli che hanno cercato di dare dignità al proprio sport. Marco Pantani non ha fatto la verginella: “tutti possiamo sbagliare” dice a Minà in quell’intervista che è diventata un classico del giornalismo, “anche io”. Ma – continuava – ci vogliono regole semplici e certe, per tutti gli sport, mentre oggi si dipende da un potere che decide chi condannare oppure no. E questo l’ha scritto perfino sul suo passaporto pochi mesi prima di morire, un brano intriso di “torrida tristezza”, che ci appare oggi come il suo testamento morale. Marco Pantani è stato messo in croce per un esame che 6 mesi dopo la stessa Unione ciclistica internazionale dichiarò “inattendibile”. Con le nuove regole a Pantani non sarebbe stato “rubato” il Giro e soprattutto l’onore, che a Marco interessava ancora di più. Quanto all’ipocrisia, lo hai detto tu: siamo una società dopata per eccellenza, dove molti anziani invece di fare seriamente i vecchi si impasticcano di Viagra o di potere a oltranza».

Nella scenografia dello spettacolo colpisce una ruota di bicicletta simile al primo “oggetto trovato” di Duchamp. Visto che il Teatro delle Albe nasce dalle parti di Jarry c’è da chiedersi quanto di genio e di profezie ci fosse nelle avanguardie mai prese sul serio.

28settmarco-pantani03«Noi, come ben sai, l’avanguardia l’abbiamo presa sempre sul serio. Soprattutto un’avanguardia non modaiola, esibita: non ci hanno interessano le provocazioni in quanto tali, per far bella figura nei salotti. Abbiamo sempre amato un’avanguardia alla Jarry appunto, o alla Mejerchol’d, capace di essere tale affondando le radici nella tradizione. “Più sport” chiedeva Brecht negli anni ’30. Intendeva – credo – che dobbiamo cercare il punto più alto di incrocio tra la raffinatezza e il popolare, fra il sapere e l’ignoranza, fra le arti, come il teatro, e le mitologie di questa società di massa in cui, volenti o nolenti, dobbiamo continuare a vivere e a creare. A resistere».

(*) Questa mia intervista è stata pubblicata il 15 agosto sul quotidiano «L’unione sarda» con qualche piccolo taglio e omettendo l’ultima domanda-risposta (ragioni di spazio) che ho qui ripristinato. Nelle interviste si dovrebbe sempre usare il “lei” ma stavolta sarebbe stato fuori luogo: si dà il caso che conosca Martinelli e le Albe da quasi 30 anni. Gli spettacoli del gruppo di Ravenna hanno scandito la mia passione teatrale: dal loro inizio con Philip Dick alle Albe «bianche e nere», cioè con alcuni immigrati senegalesi trasformati in attori (o forse “resuscitati” come griot) fino ai classici rivisti e alle varie versioni dell’«Ubu re» di Alfred Jarry. (db)

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: