Vai al contenuto
30 ottobre 2014 / miglieruolo

Tempi di esposizione

dal blog di cristina bove


Fu soltanto un istante
la sua solitudine dai tempi sbagliati
l’evasione sbiadita, i giochi d’ombra.
E vedevo la ruga approfondirgli la fronte
inerme, senza più corazze.
Un ragazzo lontano gli tremava negli occhi.
Aggrappato alle mani si sporgeva dal petto

Foglia fissata ancora sul suo ramo
lo stelo assottigliato dall’autunno

Colsi il grido taciuto
la maschera ingrigita a separare
il passato e il presente.
E capivo. E capiva.

 

da “ La colpa d’essere poeta

minisilloge per La dimora del tempo sospeso (gennaio 2011)

***

Ritengo di avere capito anche io. Capito, nel senso di diventare partecipe di una emozione. Un bel momento di vita trascinato dentro la poesia.

L’emozione di quando due anime s’incontrano. Ed una corre a soccorso dell’altra, per essere a sua volta soccorsa dall’atto che compie.

Mauro Antonio Miglieruolo

One Comment

Lascia un commento
  1. cristina bove / Ott 30 2014 09:40

    grazie, Mauro
    cri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: