Vai al contenuto
12 novembre 2014 / miglieruolo

La sfilata di Maria G. Di Rienzo

Il dubbio non mi aveva sfiorata, ma se mai lo avesse fatto avrei avuto la riconferma del mio giudizio il 30 settembre 2014: e cioè il giorno in cui Karl Lagerfeld ha mandato in passerella le sue indossatrici a “fare le femministe”. Così, dopo aver letto i cartelli di “protesta”: “Sii differente”, “Libera la libertà”, “Moda non guerra”, “Sii la tua stessa stilista”, “Anche i ragazzi devono restare incinti”, la mia opinione sul fatto che l’industria della moda è piena di idioti è rimasta invariata.

Lagerfeld

Il povero Lagerfeld dev’essere uno convinto di “annusare i trend” (difatti ha messo un uomo sullo sfondo a reggere il cartello “He for She” – che indica la campagna delle Nazioni Unite di recente promossa da Emma Watson) e dopo aver visto un po’ di celebrità mimare il coito con betoniere e dichiarare ciò assolutamente femminista ha deciso di rendersi ridicolo con questa trovata.

“Eh, è un diavoletto. – hanno spiegato i giornalisti / le giornaliste che si occupano di moda – Gli piace provocare, dire cose inappropriate… E come molti designer della nostra epoca guarda ai giovani ed è coinvolto nello zeitgeist (ndt. “spirito del tempo”, clima culturale corrente) ecc. ecc.” In effetti dire cose inappropriate gli piace, se non ricordo male è lo stesso tizio che ha dato della “grassona” alla cantautrice inglese Adele. Ma questo ai miei occhi lo rende un cafone che farebbe meglio a tenere la lingua in bocca, non un simpatico monello.

L’industria della moda vende abiti, e questo è tutto ciò che dovrebbe fare: non fissare standard assurdi e insani per i corpi delle donne, non insegnare alle donne ad odiarsi se non li ottengono. Se poi Lagerfeld con la sua sfilata voleva dire che le femministe sono vestite male, be’: le sue modelle hanno illustrato il concetto alla perfezione. Maria G. Di Rienzo

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: