Vai al contenuto
27 gennaio 2015 / miglieruolo

Lezione di civiltà

splendida

L’immagine ritrae un’anonima giovane signora londinese. Incinta di 8/9 mesi, era per strada il 4 dicembre scorso quando si è imbattuta nei dimostranti antiabortisti di “Abort67″. Costoro si erano piazzati davanti ad una clinica – che fornisce diversi servizi relativi alla salute riproduttiva delle donne, fra cui interruzioni di gravidanza – con tanto di cartellone con feto insanguinato e videocamera. Quest’ultima era la materia del contendere fra uno dei (quattro in totale) manifestanti ed un membro dello staff della clinica, perché con essa si stavano filmando le donne che entravano: naturalmente il possessore della videocamera negava.

In quella la giovane donna è entrata nella discussione: “Guarda che ho sentito quando il tuo amico ti ha detto di spegnerla (Ndt.: perché il personale della clinica l’aveva vista accesa). E sono d’accordo con ciò che ti stanno dicendo, quel che fate è sbagliato. Voi non sapete perché le persone stanno facendo quel che fanno. Molte persone hanno sofferto abusi, voi non conoscete le loro ragioni. Questa roba è sbagliata a parecchi livelli.” A questo punto indica il mega-poster da film horror e spiega che la clinica è vicina alla sede dell’associazione umanitaria Kids Company, di cui lei è membro. L’associazione, fondata nel 1996 da Camila Batmanghelidjh, dà sostegno ai bambini e ai ragazzi in situazioni di estrema povertà e di rischio.

“Noi stiamo aiutando migliaia e migliaia di bambini, mentre voi siete qui fuori. – continua la donna, mentre gli antiabortisti non riescono a spiccicare parola – Non vi siete neppure presi la briga di sapere dove siete, dove vi siete collocati. Questo è il posto sbagliato, perché la gente che viene da noi alla Kids Company sta già attraversando i propri casini e ci sono ragazze che lavorano nell’associazione che sono state abusate e molestate.” E conclude, prima di voltar la schiena al gruppo: “Far sentire le donne colpevoli è sbagliato, è così maledettamente sbagliato!”

Una portavoce di Kids Company ha detto alla stampa che il gruppo è estremamente fiero della sua socia, ma che costei non vuole essere identificata o parlare ai media. Prima di conoscere questo suo legittimo desiderio, la femminista Caitlin Moran chiedeva online se qualcuno la conoscesse, per poterle mandare un enorme mazzo di fiori a nome di tutte le donne. Dubito che finirà per vederlo, ma io gliene mando comunque uno “virtuale” da qui. Madam, I’m really thankful. Maria G. Di Rienzo

mazzo di fiori - satishverma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: