Vai al contenuto
19 febbraio 2015 / miglieruolo

Le cose taciute colpiscono alle spalle

 

 lume  -by criBo                               

si possono sentire tra i capelli o
nello spazio di un’asola metallica
ingaggiare sensori di titanio
insufficienti a eludere il silenzio

e se la rete delle convenzioni
esige contraffare gli andamenti
rammaricarsi delle circostanze
_il dito sulla luna_
ciò che nessuno vede per davvero
è la prigione dove stagna il cuore

allora è bene
allontanarsi dalle lontananze
annodando lenzuola __evadere dai letti
trovare pace in zone misteriose
dove si fa preghiera l’intelletto
e senza più parole
dire di sé quanto rimane acceso
lumino nella notte

                                     

16 commenti

Lascia un commento
  1. lallaerre / Feb 19 2015 00:11

    “allontanarsi dalle lontananze”, un invito a incontrarsi tenendo acceso ciascuno il proprio lumino nella notte… come sempre bellissime le immagini create dalla magia delle parole, accompagnate dalla voce suggestiva del clarinetto di Mozart.

    • cristina bove / Feb 19 2015 08:39

      questo concerto è il mio preferito da quando, più di venti anni fa, l’ascoltai dal vivo nella chiesa valdese di piazza Cavour: un’esperienza indimenticabile!
      per quanto riguarda la poesia per immagini, sappiamo che la parola ha un suo dipingere, e che l’arte, in qualsiasi forma si manifesti, è sempre tentativo di sublimazione.

  2. lementelettriche / Feb 19 2015 16:00

    […] e senza più parole
    dire di sé quanto rimane acceso
    lumino nella notte

    – era bravissimo a fare così mio padre.

    • cristina bove / Feb 19 2015 17:02

      chissà quanto ha sofferto nel suo silenzio!…

      • miglieruolo / Feb 20 2015 09:12

        La sofferenza è propria all’esistere, componente necessaria alla vita. Il silenzio accentua, contribuisce, ma solo quando è indotto dalla circostanze. O quando è prodotto dal non ascolto.
        Il più e il meglio che si possa fare per un proprio simile e quello di fermarsi ed ascoltarlo. Qualunque cosa esso abbia da dire.

      • cristina bove / Feb 20 2015 10:02

        sono totalmente d’accordo, Mauro.
        e ti ringrazio dell’ospitalità come della comprensione profonda.
        buona giornata
        cri

  3. gelsobianco / Feb 20 2015 02:21

    “allontanarsi dalle lontananze”
    Allora avviciniamoci e…
    “e senza più parole
    dire di sé quanto rimane acceso
    lumino nella notte”

    Magica Cri con le tue immagini

    Queste note sublimi, poi, accompagnano i tuoi versi in un modo perfetto

    gb

    • cristina bove / Feb 20 2015 08:06

      come tu sai, cara gb, è dal silenzio che affiorano le musiche e le poesie…

  4. gelsobianco / Feb 20 2015 02:23

    Tutto bene, Mauro?
    Mi dispiace che non ci sia il nostro padrone di casa.
    Un sorriso
    gb

    • cristina bove / Feb 20 2015 08:08

      spero che non sia per motivi di cui preoccuparsi e che torni presto.

  5. miglieruolo / Feb 20 2015 09:07

    Giovedì, giornata della resa incondizionata ai variegati impegni che mi sono piovuti addosso, tra cui spicca un intero pomeriggio trascorso in terapie mediche… chiedo scusa a tutti. In particolare a Gelsobianco che, con delicatezza, mi richiama a i miei doveri. Sto bene? Bene non direi, discretamente sì, non ho di che lamentarmi. Lo facessi contraddirei la poesia che ho scelto per quest’oggi. Mi rammaricherei di circostanze che ho contribuito a creare con le scelte di tutta una vita. Tra le quali includo la scelta, all’inizio dei trenta anni, di darmi alla pigrizia, star sempre dietro una scrivania, con le conseguenze immaginabili. Tra le queli quelli del sovrappeso, intervenuto poco dopo il felice momento della pensione.
    Grazie pertanto alla vita che contua a assistermi. Nonostante me stesso.

    • cristina bove / Feb 20 2015 10:06

      Non direi doveri, non proprio.
      e comunque la salute viene prima d’ogni cosa.
      perciò ti auguro di stare bene e di poterti dedicare a ciò che ti piace e ancora ti entusiasma.
      un abbraccio

      • gelsobianco / Feb 20 2015 23:14

        Mi unisco alle parole di Cristina per te, Mauro.
        Un abbraccio
        gb
        Un sorriso

  6. miglieruolo / Feb 20 2015 10:58

    Giusto, niente doveri. Parliamo di coerenza, responsabilità e piacere nel ritrovarsi insieme

    • gelsobianco / Feb 20 2015 20:04

      Vivo piacere in questo ritrovarsi insieme, Mauro.
      Buona serata.
      🙂
      gb

Trackbacks

  1. da M.A.M. | cristina bove

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: