Skip to content
4 marzo 2015 / miglieruolo

Il Karaté letterario di Alessandra Daniele – 14

di Alessandra Daniele

pattopardoBerlusconi non aveva più bisogno di Forza Italia. Aveva trovato un partito più efficiente nel curare i suoi interessi: il PD.
Da un pezzo non lo si vedeva così garrulo e soddisfatto come all’insediamento di Mattarella sfoderare tutto il suo repertorio, dalle barzellette atroci agli insulti a Rosy Bindi. Ed era nel ruolo dello sconfitto. Che avrebbe fatto in quello del vincitore, un giro di lap dance?

In realtà Mattarella era uno dei tre candidati da lui concordati con Bersani nel 2013 e con D’Alema nel 2014. E soprattutto non è Prodi, impallinato ancora una volta proprio dal PD.
Dopo la dissoluzione del PSI di Craxi, a Berlusconi era toccato aprire una bottega politica in proprio, assemblando ferraglia fascistoide d’ogni tipo riverniciata da liberale. Con gli anni, il ruolo di Re Magio che promette Oro, Incenso, e Figa per tutti gli era piaciuto talmente da portarlo quasi a crederci. Succede agli attori migliori.
Berlusconi però ha sempre saputo d’essere un cazzaro, in fondo ha sempre avuto ben chiare le sue autentiche priorità per le quali ha manovrato e s’è lasciato manovrare, s’è battuto e s’è lasciato battere, e delle quali in tempi di crisi economica è tornato ad occuparsi a tempo pieno.
Per quanto le luci della ribalta gli mancassero, le sue aziende mantenevano comunque la precedenza per lui sulla gloria effimera del palcoscenico. Quindi ha interpretato per il PD la parte del mite Papi Emerito finché gli è stata utile.
Abbandonata a se stessa però Forza Italia è andata completamente a puttane, stavolta in senso metaforico. Venuta meno la carica che lo teneva insieme, l’accrocchio di ferraglia s’è sfasciato in un cumulo di detriti consunti dalla ruggine. Mentre Salvini s’espande assorbendo come una spugna tutti i liquami che percolano dalla decomposizione del centro destra.
Berlusconi s’è allora ricordato d’una cosa fondamentale: anche Forza Italia è una delle sue aziende.
E potrebbe ancora servirgli.
Soprattutto adesso che il PD s’aspetta da lui la contropartita stabilita – le riforme farlocche – e gli toccherebbe onorare fino in fondo la sua parte del Pattopardo.

Così è tornato in campo, ancora una volta. Non perché voglia davvero rompere con Renzi, non adesso, i due hanno ancora bisogno l’uno dell’altro, Berlusconi è il ritratto di Dorian Gray di Renzi, ed è in fondo il suo migliore alleato, visto che tutti gli altri, compreso almeno metà dello stesso PD, non vedono l’ora di poter fare la pelle al loro premier.
Berlusconi è tornato per salvare la sua bottega politica, quel che rimane di Forza Italia, dalle grinfiette predaci di Fitto, che ne farebbe il suo personale NCD.
Il patto del Nazareno quindi è oggi sia vivo che morto, sospeso in un fronte d’onda come un gattopardo di Schrödinger.
Chi ne aprirà la scatola ne deciderà il destino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: