Skip to content
19 marzo 2015 / miglieruolo

Diario in forma di poesia di cristina bove

Avevo scritto questi versi il giorno dopo, ne avevo fatto un post, ma per una sorta di pudore lo eliminai.
Pensai che sarebbe dispiaciuto ai miei figli sapermi così provata.
Allora perché li pubblico adesso? Perché non sono forte come mi si crede e voglio mostrare anche  le mie debolezze.
Scusatemi se ho sospeso i commenti,  poter condividere è già tanto.

Grazie

 

9 ottobre 2014

Stanotte
mentre leggevo nel mio letto
ho sentito il rumore di un’assenza
sono accorsa, c’era il suo pugno a scatti
che batteva nel piatto, sugo e pasta
schizzavano d’intorno. Non riusciva a fermarsi.

Ero pietrificata _non sapevo raccoglierlo_
pareva un bimbo con le convulsioni
e ho fatto quello che si fa da madri:
gli ho asciugato la mano dai resti della cena
aprendogli le dita ad uno ad uno
lasciava fare eppure non voleva
mi ha detto con lo sguardo “scusa”
e quello che vedevo era un avvio
verso qualcosa che ci spaventava

no, lui non aveva timore
ero soltanto io ad essere impaurita

poi s’è affacciato un attimo dagli occhi
il ragazzo di tanto tempo addietro
stupefatto che il male gli tremasse
nel petto e nelle braccia

quando s’è addormentato
la testa bianca sul cuscino
gli ho messo un bacio lieve sulla fronte

adesso sto seduta sulla soglia
_a veglia di respiro_ e se speravo
che a finire per prima fosse il mio
so che devo restare
per essergli vicina finché il suo…

 

letto in mare - by criBo

Annunci

9 commenti

Lascia un commento
  1. lallaerre / Mar 19 2015 00:14

    Non ci sono parole adeguate per commentare questo “diario in forma di poesia”; solo la poesia sa dire il dolore, lo spavento, e l’amorevole cura di un’anima verso un’altra, “a veglia di respiro”.

    • cristina bove / Mar 19 2015 05:21

      questi versi furono scritti quasi sotto choc, ero ancora scossa dall’accaduto, e non so se fu un bene o un male scriverne, ma fu liberatorio.
      tuttavia rileggerli mi addolora.
      grazie, Luciana, so che mi comprendi.

  2. fattorina1 / Mar 19 2015 16:16

    Pensiamoci tutti: siamo necessari agli altri. Nessuno è insostituibile, ma che saremo se il pensiero non ci corresse verso il bene? Alghe, amebe, forse neanche creature..

    • cristina bove / Mar 19 2015 21:30

      sì, Narda, concordo, siamo con gli altri e per gli altri, e forse proprio per questo la nostra vita ha senso.

  3. miglieruolo / Mar 19 2015 17:52

    Una storia umana, storia di uno ma nella quale può identificarsi chiunque. Una storia d’amore anche; non però una storia giunta alla sua fine, una che ricomincia nelle mutate nuove condizioni fecondate dalla profondità di quelle pregresse. Questo é l’importante, l’essenziale di ciò che rimane (a parte il dolore, da cui non ci possiamo salvare). La pregnanza della divina forza dell’amore, che ha il potere su molte cose, anche quello di parlare asciugando una mano; ed anche quello di rispondere chiedendo scusa con uno sguardo, sguardo che in realtà vuol semplicemente significare “ti amo”. Rendendo in questo modo grazie a Dio.

    • cristina bove / Mar 19 2015 21:38

      è vero, Mauro, una storia nuova che si dipana in altre modalità, con la pietas che avvalora tanti altri sentimenti, quelli che da giovani erano più epidermici, più “chiassosi”…
      e giunge il momento in cui si dà importanza agli sguardi, al non detto, alla mera presenza.
      e si ringrazia il cielo di essere stati preservati da mali e oscurità che avrebbero potuto farci disperare.
      il dolore ha la sua parte alienante, tuttavia ci insegna a comprendere e a tendere la mano.

  4. miglieruolo / Mar 19 2015 17:55

    Un saluto a tutti; integrato dall’autoaugurio di poterci essere almeno giovedí prossimo. Non tanto per ricominciare a prendermi cura del blog, ma per stare virtualmente un po’ con voi.

    • cristina bove / Mar 19 2015 21:43

      qui ci auguriamo tutti la tua guarigione e ti aspettiamo per dialogare ancora di bellezza, di poesia e di tutte le le cose preziose che ci offri.
      a presto

Trackbacks

  1. da M.A.M. | cristina bove

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: