Vai al contenuto
10 aprile 2015 / miglieruolo

Le donne contengono moltitudini

(“Women should worry less about being liked and more about being effective”, di Jessica Valenti per The Guardian, 2 febbraio 2015, trad. Maria G. Di Rienzo)

Mia nonna Ann non accettava insulti da nessuno: ha cresciuto cinque figli, maneggiato un consorte alcolista e, una volta, ha minacciato il marito violento di una delle sue figlie di accoltellarlo se non la smetteva. Nessuno voleva finire dal lato sbagliato, con lei.

Era anche una donna affettuosa, divertente, una magnifica cantante e una nonna molto affezionata ai nipoti. Ma se non la conoscevi – se l’avevi appena sentita rovesciare un torrente di bestemmie o se l’avevi vista lamentarsi con il droghiere – potevi giudicarla un po’ rude.

Nonna Ann è morta da anni, ma mi piacerebbe proprio chiederle come ha fatto a rimanere la tosta linguacciuta che era in un periodo in cui le donne come lei potevano subire ostracismo sociale o abuso fisico ritenuto accettabile.

linguacciuta

In maggioranza, noi donne siamo così inclini ad essere gradevoli che solo l’idea di persone che ci odiano attivamente o che ci trovano “spiacevoli” può sembrare brutale. Alle donne è insegnato fin da quando sono bambine ad essere garbate, festose e graziose: così tanto che gli uomini si sentono in diritto di dire “sorridi di più” a donne che non conoscono, o di sostenere che dovremmo mostrare gioia infinita mentre sbrighiamo le faccende domestiche.

Ci si aspetta dalle donne che amino l’essere ridicolizzate mentre partecipano alle elezioni e se non lo fanno sono dipinte come arpie arroganti o bisbetiche o stronze; non c’è mancanza di parole usate per significare “donna minacciosa”. Gli uomini che comandano sono capi, le donne che comandano sono prepotenti. Gli uomini sono dediti al lavoro, le donne dedite al lavoro sono “fredde”. Gli uomini sono riflessivi, le donne riflessive sono deprimenti.

E, quando l’aspettativa di norma per le personalità delle donne è soavità e frivolezza, è facile prendere la serietà per scortesia. Per le donne di colore, praticamente ogni tratto della personalità è etichettato come “arrabbiato”. Troppe persone sembrano non capire che le donne – che sono esseri umani – contengono moltitudini e sono in grado di essere serie, buffe, imbronciate e amabili nell’arco di un breve periodo di tempo (se non allo stesso tempo).

E’ un errore confondere la serietà di una donna con la rabbia; è un errore ancora più grande denigrare le donne arrabbiate. Non solo insegna alle bambine che sentimenti legittimi sono in qualche modo “indesiderabili” e che dovrebbero mettere il cerotto di un sorriso falso su ogni occasione in cui sono ferite o arrabbiate, ma sminuisce anche l’importanza del prendere sul serio le cose appunto serie.

Nelle immortali parole di Tina Fey: “Sono le cagne a fare il lavoro”. In effetti, tu puoi prendere più mosche con il miele, ma cosa fai se sei più interessata a crescere i tuoi bambini o ad impedire a tuo genero di picchiare di nuovo tua figlia? Le donne cocciute e arrabbiate sono affidabili e capaci e intelligenti e non sono inclini a lasciarsi calpestare. E c’è un bel po’ di roba che ci fa arrabbiare! Non è che il mondo sia un posto meraviglioso pieno di gioia, per noi: dobbiamo ancora maneggiare discriminazione e violenza a livelli epidemici.

Perciò, invece di preoccuparmi troppo di come mi vedono le altre persone, io tento di connettermi alla mia nonna e abbraccio il mio sé più caustico. Vengo da lunga linea di donne fastidiose e sarcastiche che sarebbero fiere di me in ogni caso, ma ancora di più se non permetto a nessuno di tirarmi addosso la sua cacca.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: