Skip to content
7 maggio 2015 / miglieruolo

E non si può sostare di cristina bove

ghiaccio e sole

 
Come gli uccelli delle tempeste
goffi e impacciati sulla terraferma
intrepidi e tenaci nel volare
sospesi sulle ombre
fu così che imparammo a galleggiare
facendoci bastare un filo d’onda
_una speranza di burrasca_
per non morire di bonaccia
sul mare piatto della solitudine

sopravviviamo ad ogni abisso e
non ci distoglie il cielo
moriremo
nel nostro nido ai margini del mondo

 


***

Rappresenta bene questo mio momento di difficoltà che incrocia e si scontra con il legittimo desiderio di esserci,  di tornare a voi.

Sul ramo su cui mi sono appollaiato sto ricostruendo un nido.

Mauro Antonio Miglieruolo

 

 

 

Annunci

18 commenti

Lascia un commento
  1. lallaerre / Mag 7 2015 00:16

    Grazie di questa proposta e… buona ricostruzione del tuo nido!

  2. cristina bove / Mag 7 2015 07:24

    si fa fatica a raccogliersi nelle proprie ali… pure non ci si arrende.
    grazie, Mauro, con affetto.

  3. lementelettriche / Mag 7 2015 07:56

    L’ha ribloggato su lementelettriche.

  4. lementelettriche / Mag 7 2015 07:57

    che tristezza affogare dentro all’immobilità della solitudine… voglio l’onda io!

    • cristina bove / Mag 7 2015 11:48

      infatti, Paola, è meglio affrontare il vento, che perdersi nella bonaccia, navigando a vela… 🙂

  5. gelsobianco / Mag 8 2015 02:09

    Mauro, il tuo nido sarà bellissimo come questi versi di Cri e queste note di Vivaldi.
    Ti aspetto.
    Ti sorrido
    gb

  6. gelsobianco / Mag 8 2015 02:12

    Che bella poesia!
    Io amo andare in barca in vela e quindi… amo il vento che mi faccia volare sul mare.
    “_una speranza di burrasca_
    per non morire di bonaccia
    sul mare piatto della solitudine”
    Cri cara ❤
    gb

    • gelsobianco / Mag 8 2015 02:15

      in barca a vela

    • miglieruolo / Mag 8 2015 08:23

      Il vento porta via anche i pensieri, la pesantezza della terraferma. Viaggiare su una barca a vela è un po’ come volare. Lì, senza più ancoraggio, sospesi tra terra e cielo, sciovalondo sul pelo dell’acqua: come camminarvi sopra!

      • cristina bove / Mag 8 2015 15:32

        sì…

      • gelsobianco / Mag 8 2015 22:06

        Eh, sì, Mauro.
        E io volo sul mare appena posso… Sì, è come camminare sull’acqua.
        Anche io ho provato questa sensazione bellissima.

        Una scivolata in volo, potrei dire anche.

        gb

    • cristina bove / Mag 9 2015 11:06

      grazie, cara gb, la superficie del mare mi affascina…

Trackbacks

  1. da M.A.M. | cristina bove

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: