Skip to content
11 giugno 2015 / miglieruolo

Di poesia che mi sostiene e cura

dal blog di cristina bove

nu écrite - by criBo

 

Si pensa che nel verso sia converso
il senso _chi lo pensa
accaduto e capovolto e chi
narrato nella botte vin de messe
si piangerà quel giorno
nero divelto afasico
in fazzoletti a fiorellini blu
e nelle cocche a contenere
ore di malesistere
ore di mille trafitture
infrangere il collare delle regole
e chiose scritte d’invisibile
nei giardini dei santi titolati
ecolalia
che si rincorre da una bocca all’altra
mi colloca sul ciglio-davanzale
del passato remoto
fuori m’agghindo ancora bella
e vittoriosamente viva

l’Ombra
dovrà aspettare la mia resa.

 

novembre 2010

Annunci

8 commenti

Lascia un commento
  1. miglieruolo / Giu 11 2015 09:10

    Come è potuto succedere che una tale poesia mi sfuggisse?
    Eppure è successo.
    Come succede di offendere persone delle quali si ha stima, eppur mostrando di non averne.
    A volte ci si inoltra allegramente in campi nei quali bisognerebbe procedere con prudenza, a volte è solo il vizio mio consolidato di tentare di dire cose doppie, poco conciliabili, presumendo di averlo fatto, senza riuscirci.
    E’ che i divieti mi sono poco simpatici. A partire da quello di Aristotele che sosteneva “per il principio di contraddizione che nol consente”. E io invece pretendo che consenta.
    Ma i difetti fanno parte della pesonalità. Se non sono troppo gravi, occorre perdonarli alle persone.
    Non perdono io forse Cristina Bove d’essere troppo brava?

    • cristina bove / Giu 11 2015 10:40

      questo tuo vizio è quanto di meglio possa capitare a chi scrive poesie.
      se poi questo vizio appartiene a chi di scrittura sa e sa esprimere in maniera “fantastica”, allora ci guadagna anche il poeta.
      di solito lascio libero il giovedì, sul mio blog, ma passando di qui stamattina presto, ho visto che c’era ancora il post di ieri, e allora ho postato altro.
      ma adesso vado a mettere il link: sarei un’ospite ingrata se non lo facessi.
      grazie, Mauro, di tutti i tuoi pensieri.

  2. gelsobianco / Giu 12 2015 03:31

    Grazie a te, Cri, per questo incanto.
    Un abbraccio
    gb

    "fuori m’agghindo ancora bella
    e vittoriosamente viva"

  3. gelsobianco / Giu 12 2015 03:37

    “Come è potuto succedere che una tale poesia mi sfuggisse?
    Eppure è successo.”
    Oh, Mauro, hai ampiamente “rimediato” a questo.
    E’ bello leggerti e condividere con te la poesia di Cristina.
    Grazie.
    Un sorriso vero
    gb

    • cristina bove / Giu 12 2015 08:38

      grazie, gb, delle tue note entusiastiche!
      🙂

    • miglieruolo / Giu 12 2015 09:50

      Giusta definizione. Si tratta proprio di un canto. O d’una disfida? D’ambedue, probabilmente…

Trackbacks

  1. da M.A.M. | cristina bove

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: