Skip to content
13 novembre 2015 / miglieruolo

Un attrezzo per la sopravvivenza

(“Now there is a way to build your own domestic violence case without a lawyer” di Hera Hussein per Young Feminists Wire, 8 giugno 2015, trad. Maria G. Di Rienzo)

Hera

A livello globale, il 35% delle donne soffre a causa della violenza domestica, dal che si può arguire si tratti della forma prevalente di violenza contro le donne. Persino dopo essere sfuggite ad essa, le donne si trovano spesso invischiate in complessi procedimenti legali relativi al caso penale contro chi abusava di loro, per la custodia dei bambini, la richiesta di asilo o il divorzio.

Di recente, Chayn – http://chayn.co/about/ – l’associazione di volontarie che presiedo, ha lanciato “Come costruire il tuo caso legale sulla violenza domestica senza un avvocato”, un attrezzo unico nel suo genere che le donne possono usare per raccogliere in sicurezza le prove e documentarle per usi legali, senza necessità di avvocati.

Al contrario di quel che si pensa, il sostegno per le donne che soffrono abusi resta scarso persino nei paesi “sviluppati”; per esempio in Gran Bretagna più di un terzo delle vittime non riesce a fornire le prove richieste per ottenere aiuto legale.

Prendere la decisione di andarsene è un passo grande e sovente molto difficile, ma la guida presenta un piano in tre stadi per le donne facile da seguire:

Raccogliere prove che dimostrano l’abuso.

Attestare l’evidenza dell’abuso, sebbene sia indubbiamente una delle cose più importanti che può fare, è qualche volta l’ultima delle preoccupazioni di una donna. E’ facile non considerare cose che sono gradatamente diventate normali, per una vittima di abuso domestico. Per esempio, ricevere un messaggio del tipo: “Mi hai deluso. Ti darò una lezione.” o avere 70 chiamate a vuoto quando esci di casa possono diventare parte della routine. Ma, per un giudice, sono tutte parti chiave dell’evidenza.

Capire cos’è accaduto.

Per una vittima di violenza domestica, la decisione di andarsene e gli strascichi che ne conseguono costituiscono un periodo altamente stressante e tumultuoso. Questo è di nuovo un momento idoneo per collezionare e documentare la natura manipolativa dell’abusante.

Presentare le prove.

Nessuno conosce meglio della sopravvissuta la natura brutale dell’abuso, ma i ricordi possono essere dolorosi da riferire, in special modo di fronte ad un pubblico ostile (polizia, giudici). La guida aiuta le donne a costruire sequenze temporali, a sistemare le prove in categorie chiaramente espresse e ad arrangiare tutte le informazioni importanti nella maniera più organizzata per aiutare le autorità e le donne stesse a trarne senso.

Quando qualcuno ti ha sottratto possibilità d’azione, orgoglio, stima e dignità per qualche tempo, essere interrogata sul tuo racconto può essere straziante e scoraggia molte donne dal reclamare i propri diritti.

Sebbene la guida NON intenda rimpiazzare l’assistenza legale o essere presa come consulenza legale, i consigli sulla struttura e sulla rappresentazione dovrebbero rivelarsi utili nella maggior parte delle giurisdizioni. Alcuni ci diranno che questa non è la soluzione ideale, perché ogni caso è diverso, e che le donne dovrebbero contattare le ong locali. Nel mentre questo è vero, la triste realtà è che molte donne non arrivano così lontano. Possono aver paura di essere scoperte, non aver ancora chiare le proprie intenzioni o non essere in grado di permettersi un avvocato. La guida aiuta queste donne e, come ha detto una sopravvissuta, è “un attrezzo per la sopravvivenza”.

La trovate per intero qui: http://bit.ly/chayndvguide

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: