Skip to content
25 gennaio 2016 / miglieruolo

Un monumento vivente

L’articolo che segue è già stato pubblicato (vedi IVI) su questo stesso blog. Lo ripeto a distanza di un anno perché ritengo sia troppo interessante per non dare l’opportunità di leggerlo a coloro ai quali fosse eventualmente sfuggito; e farlo rileggere a chi ha già  saputo e voluto apprezzare.

Speriamo per quell’epoca di esserci e poter a mia volta apprezzare chi avrà saputo e voluto apprezzare.

Mauro Antonio Miglieruolo

***

dal blog  di lunanuvola

Dev’essere una sensazione del tutto unica e persino vagamente inquietante, lo stare in piedi su un monumento dedicato a te stessa. In genere, quando qualcuno piazza l’opera che ti commemora in un parco pubblico tu hai lasciato questo mondo da un po’… Per buona sorte, Dorothy O’Connell è ancora qui e il monumento in questione sta ad Ottawa dal 17 ottobre 2004 – Giorno internazionale delle Nazioni Unite per lo sradicamento della povertà, dove è diventato punto d’incontro e d’inizio per dimostrazioni, proteste, marce e raduni su questioni di giustizia sociale.

Dorothy

Chi è dunque questa donna a cui è stato tributato un onore così singolare? Dorothy O’Connell è un’attivista, una femminista, scrittrice e drammaturga, sposata e madre di cinque figli, nonché – come la conoscono in Canada – “la poeta laureata dei poveri”. (Il poeta laureato, cioè coronato di alloro, è/era un artista riconosciuto da un governo o un’istituzione e incaricato di comporre versi in occasioni particolari.)

monumento ottawa

Dorothy lotta per i diritti degli inquilini, per le case popolari, per i senzatetto da oltre quarant’anni. I movimenti canadesi – e non solo – per la giustizia sociale le sono debitori di una valanga di idee, invenzioni, stratagemmi, innovazioni con cui costruire azioni per il cambiamento significative ed efficaci. Due dei suoi lavori letterari sono anche particolarmente noti: “Chiclet Gomez” (la fiaba di Chiclet e delle sue amiche formiche che vivono in case popolari) e “Sister Goose: Feminist Nursery Rhymes and Cautionary Tales” (“Sorella Oca: filastrocche femministe per bambini e fiabe ammonitrici”.)

Il monumento a Dorothy è stato pensato con molta cura e persino con un po’ di umorismo, composto com’è da un podio da oratore e dalla forma di una fetta di pane in cui è intagliata la silhouette di una casa; all’interno è inciso un suo slogan: “La povertà impedisce l’eguaglianza, l’eguaglianza mette fine alla povertà”. Come lei stessa dice, l’opera simboleggia la scelta che spesso le persone povere si trovano di fronte: “Dar da mangiare ai bambini o pagare l’affitto”.

dorothy motto

Dorothy O’Connell non è il tipo di persona incline all’autoincensamento, pure ha appoggiato l’idea del monumento quando le è stata proposta e vi ha contribuito, perché aveva uno scopo: “L’attivismo anti-povertà è un’istanza spinosa: molte persone faticano ad avvicinarsi ad esso. Il ritratto che se ne fa nell’opera lo rende avvicinabile, nel mentre dà dignità alle persone impoverite che hanno collaborato alla sua creazione. In questo monumento, esse asseriscono il loro orgoglio, un senso di appartenenza e la loro visibilità.” Maria G. Di Rienzo

Annunci

2 commenti

Lascia un commento
  1. rossana / Gen 28 2016 18:47

    Bene hai fatto a riproporlo. Non conoscevo Doroty O’Connell e già mi ispira la sua storia e voglio sapere di lei ogni cosa.
    Grazie, quindi…

  2. cristina bove / Feb 3 2016 07:51

    “La povertà impedisce l’eguaglianza”

    La povertà è il disonore dell’umanità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: