Skip to content
23 ottobre 2016 / miglieruolo

Appello alla Commissione Europea per Zehra Doğan, e non solo

19 ottobre 2016 appello a Federica Mogherini di alcuni parlamentari europei per la liberazione di Zehra Doğan

All’attenzione dell’Alto rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza / Vicepresidente della Commissione europea, signora Federica Mogherini

 

Cara signora Mogherini, vice presidente / Alto rappresentante,

Zehra Dogan, pittrice e giornalista premiata per l’agenzia di stampa delle donne Jinha è sotto custodia cautelare dal 21 luglio. La data del processo è ancora sconosciuta dopo 2 mesi di reclusione.

Gli articoli e i quadri di Dogan sono usati come “prova di adesione al PKK” dalla magistratura, il che rende il suo caso unico nella storia della Turchia. Lei è l’unica pittrice in prigione accusata di terrorismo, a causa dei suoi dipinti. Due di quelle “prove di terrorismo “sono allegate alla fine di questo documento.

Dogan ha seguito il coprifuoco nella città di confine Nusaybin per 5 mesi, producendo dipinti e articoli sugli scontri tra l’esercito turco e il PKK. In un periodo nel quale i media turchi hanno riferito di rado le notizie provenienti dalla regione, i suoi dipinti da Nusaybin hanno ottenuto ampia diffusione sui social media.

“Come altri giornalisti della regione, ho scampato la morte in molte situazioni. una volta sono stata presa di mira da cecchini, altre volte la mia casa è stata bombardata e colpita da armi automatiche. Ho ricevuto molte minacce e insulti sul social media. E alla fine sono stata arrestato “dice Zehra Dogan, in una lettera che ha scritto dalla sua prigione al Parlamento europeo”. “Oltre alle arbitrarie ispezioni corporali preso gli uffici della polizia, ho subito molestie verbali e insulti pesanti da parte della polizia e delle forze speciali. Mi è stato chiesto in continuazione “Perché fai la giornalista? Perché dipingi? Stai prendendo ordini dal PKK? ”

Dogan è detenuta in una prigione sovraffollata. E ‘stata portata in un reparto che aspits 30 persone, oltre la sua capacità. Dopo 2 mesi, ci sono più di 45 persone nel reparto di Dogan e la popolazione è in aumento ogni settimana. A causa del sovraffollamento i prigionieri sono costretti a tenere le porte e le finestre aperte, per poter respirare meglio, ma questo rende freddo carcere soprattutto nelle ultime settimane in cui le temperature iniziano a scendere.

“Mi sono ricordata la famosa citazione di Pablo Picasso quando la polizia mi ha chiesto se fossi stata a dipingere il quadro che raffigura la città distrutta di Nusaybin: un ufficiale nazista-agente gli chiese se lui avesse dipinto il quadro di Guernica e Picasso rispose: ‘No, l’avete fatto voi’. Solo che il regime nazista non ha imprigionato Picasso, ma il regime  di Erdogan mi ha imprigionato “, ha detto Zehra Dogan al Parlamento europeo, “Ho cercato di fermare i cannoni puntati sulla mia gente, con il mio pennello e la penna. Siccome sono considerata una’terrorista’ da parte del regime, devono essere considerato armi pennelli e penne. È stato lo stesso presidente Erdogan che ha definitoil libro di Ahmet Sik ‘più pericoloso di una bomba’, durante il suo discorso nel 2011 al Consiglio d’Europa, mentre difendere la detenzione dello scrittore. Io adesso sono in prigione, ma non dimenticate che ho ancora penna e pennelloI può essere imprigionato ora, ma non dimenticate che ho ancora il mio pennello e la mia penna! ”

Zehra Dogan ha vinto molti premi per il suo giornalismo in Turchia, tra cui il prestigioso premio Metin Goktep per il giornalismo. I suoi quadri sono esposti in Turchia e Francia e stampati in molti altri paesi. Lei continua a dipingere e scrivere le storie delle donne in carcere.

Dogan è solo una dei giornalisti e artisti imprigionati. Ad esempio, Asli Erdogan, una scrittrice che ha vinto numerosi premi a livello nazionale ed internazionale,  è sotto custodia cautelare dalla fine di agosto. I suoi articoli sul giornale Ozgur Gundem sono utilizzati come prove dell’ “‘appartenenza del PKK”. Necmiye Alpay, una famosa linguista, è sotto la custodia cautelare dalla dalla fine di agosto. La settantenne linguista è accusata di essere un membro del PKK, perché è nel “Consiglio consultivo” del giornale Ozgur Gundem. Atilla Tas, vecchio politico del CHP e articolista del giornale di Meydan , è sotto custodia cautelare dall’inizio di settembre con l’accusa di essere un membro dell’organizzazione islamista Gulenista.

Secondo Reporters without Borders, la Turchia è diventata il leader mondiale, per quanto riguarda i giornalisti imprigionati, più di 120.

Il regime di Erdogan sta usando i poteri conferiti gli dallo stato di emergenza, dichiarato dopo il tentativo fallito di colpo di stato, per aumentare la pressione sulla stampa e voci indipendenti.

Due mesi fa, subito dopo il fallito tentativo di colpo di 45 giornali, 23 stazioni radio, 18 canali televisivi, 15 rivista, 29 case editrici e 3 agenzie sono state chiuse da parte dello Stato.

All’inizio di ottobre 12 canali televisivi e 11 stazioni radio che sono stati per lo più di sinistra, canali curdi o aleviti , sono stati chiusi da parte dello stato, lasciando 3.000 lavoratori dell’informazione disoccupati.

Il regime non solo opprime i media, ma anche molti altri elementi della società. I sindaci delle municipalità locali della regione kurda che sono stati eletti nelle elezioni amministrative sono stati sollevati dall’incarico, per decisione del governo turco. Circa 10.000 insegnanti, membri del sindacato dei lavoratori Egitim Sen (di sinistra),sono stati licenziati. Più di 3 mila accademici sono stati licenziati dai loro posti di lavoro presso le università, 234 di loro sono stati arrestati e 8 sono messi in detenzione preventiva.

Come parlamentari europei,  condanniamo questi atti di oppressione verso tutti gli oppositori. Siamo preoccupati della tendenza totalitaria in cui un uomo, il Presidente Recep Tayyip Erdogan, sta cercando di plasmare ogni aspetto dello stato e della società secondo i suoi obiettivi politici. Siamo solidali con il popolo turco, sia contro il tentativo di colpo di stato e anche contro le decisioni del regime. Esortiamo la Turchia . a revocare immediatamente lo stato di emergenza, a fermare le pressioni su stampa libera, a rilasciare Zehra Dogan e tutti i prigionieri giornalisti, artisti, politici e civili che non hanno legami con il tentativo di colpo di stato.

Ci appelliamo a lei, signora Mogherini, di intraprendere azioni positive a favore del le suddette personalità, nei vostri colloqui con le autorità turche.

Cordiali saluti.

da qui (nostra traduzione)

 

ps: dalla Francia mandano cartoline a Zehra Doğan (http://www.kedistan.net/2016/10/15/cartes-postales-solidaires-zehra-dogan/)

lo facciamo anche noi?

ecco l’indirizzo:

Zehra Doğan
Mardin E Tipi Kadın Cezaevi
47100 Mardin Mardin TÜRKİYE

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: