Skip to content
28 ottobre 2016 / miglieruolo

Smembramento

Lunanuvola's Blog

Chiunque sia stato vivo – e pensante – negli ultimi tre decenni è stato sicuramente reso consapevole del concetto di oggettivazione, in particolare dell’oggettivazione delle donne.

Se avete visto un video musicale, guardato un film, sfogliato le pagine di una rivista di moda o persino dato un’occhiata a un cartellone pubblicitario, avete incontrato l’oggettivazione: invece di esseri umani pensanti, desideranti, attivi, le donne sono ridotte a cose o, più di frequente, a parti del loro corpo. Non stiamo guardando donne. Stiamo guardando tette, culi e gambe.

shake-well

(La scritta dice: “Scuotila bene e goditela…”)

In una classica discussione sul concetto, la filosofa Martha Nussbaum scrive che: “Si tratta come un oggetto ciò che in realtà un oggetto non è, ciò che è in effetti un essere umano.” E qui sono le sette nozioni, come Nussbaum dice, coinvolte in quell’idea:

USO STRUMENTALE: Chi oggettifica tratta l’oggetto come un attrezzo…

View original post 223 altre parole

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: