Skip to content
18 maggio 2017 / miglieruolo

IL SISTEMA DELLE CASTE IN INDIA (caste system in India)

passoinindia

foto by PASSOININDIA

La struttura sociale indiana è stratificata gerarchicamente in caste in cui i gruppi e gli individui che vi appartengono vengono guidati da prescritte norme, valori e sanzioni sociali (tra cui anche la definitiva esclusione dalla comunità) tipici di quella casta, realizzando così specifici modelli di comportamento. La casta viene ereditata per nascita. Nel concetto di casta vi sono quelli di varna e jati. Varna significa colore e, ad ogni casta, ne è associato uno. Ai Bramini (i sacerdoti, sacrificatori e conoscitori dei testi religiosi), gli appartenenti alla casta più alta nella gerarchia, venne associato il colore bianco, ai Kshatria (i guerrieri e i prinicipi) il rosso, ai Vaisia (gli agricoltori, i commercianti e gli artigiani) il giallo. Ai Shudra, i servitori degli altri tre Varna (cioè i gruppi nobili – arya – o rigenerati – dvija – ), venne associato il nero. La gerarchia dei…

View original post 1.295 altre parole

17 maggio 2017 / miglieruolo

Sapere è potere

Lunanuvola's Blog

“Le donne sono voci molto forti nel lavoro per la protezione dell’ambiente. La conoscenza delle donne indigene in particolare come produttrici di cibo, come custodi del sapere, come prime insegnanti dei bambini, gioca un ruolo chiave e davvero centrale. Le pratiche culturali e le tradizioni che le donne indigene mantengono in vita e passano da una generazione all’altra nelle comunità hanno fatto tutta la strada sino a ricevere riconoscimento assai significativo dalle Nazioni Unite, ma anche nelle società e nei movimenti internazionali che affrontano il cambiamento climatico. L’importanza di questa conoscenza e di questo ruolo non sta solo nel maneggiare adattamenti e mitigazioni, ma anche nel vagliare le soluzioni proposte per il cambiamento climatico.”

andrea carmen

Andrea Carmen (in immagine), direttrice esecutiva dell’International Indian Treaty Council, trad. Maria G. Di Rienzo.

Andrea appartiene al popolo Yaqui – il loro nome originario sarebbe Yoeme, al plurale Yoemem, cioè esseri umani – e ha…

View original post 52 altre parole

16 maggio 2017 / miglieruolo

Non è la differenza

Lunanuvola's Blog

“Non è davvero la differenza che l’oppressore teme, così tanto quanto teme la somiglianza. Teme che scoprirà in se stesso gli stessi dolori, gli stessi desideri delle persone su cui ha buttato merda… Ha paura che dovrà cambiare la sua vita una volta che avrà visto se stesso nei corpi delle persone che ha chiamato diverse.”

da: “Loving in the War Years” di Cherrie L. Moraga (in immagine qui sotto), trad. Maria G. Di Rienzo

cherrie

Cherrie Lawrence Moraga, nata nel 1952, è docente all’Università di Stanford, Usa. Il suo lavoro esplora le intersezioni fra genere, sessualità e razza nelle vite delle donne di colore. Di origine messicana, Cherrie è scrittrice, poeta, drammaturga, attivista femminista, donna lesbica.

View original post

16 maggio 2017 / miglieruolo

L’aveva “solo” toccata

Lunanuvola's Blog

(“Can we give this woman a medal or something? – Woman Drags Man To Police After He Gropes Her On Escalator”, di Chloe Tejada per Huffington Post Canada. Trad. Maria G. Di Rienzo.)

Possiamo darle una medaglia, o qualcosa del genere?

Una donna di Nanning, in Cina, sta ricevendo plauso per la sua reazione dopo che un uomo l’aveva palpata sulle scale mobili, questa settimana.

scale mobili

Il filmato tratto dalle telecamere di sorveglianza, che è diventato virale sui social media cinesi, mostra l’uomo che afferra la giovane donna da dietro mentre entrambi sono sulle scale mobili. Invece di lasciar perdere, la donna si gira, schiaffeggia il suo molestatore e procede nel trascinarlo per la camicia per tutte le scale sino alla polizia.

“Stavo per lasciare la metropolitana e la donna mi è apparsa di fronte. – ha detto l’uomo, secondo il Daily Mail – L’ho solo toccata una volta sul culo…

View original post 115 altre parole

16 maggio 2017 / miglieruolo

Resistenza visionaria e creativa

Lunanuvola's Blog

(“Visionary and creative resistance: meet the women challenging extractivism – and patriarchy”, di Inna Michaeli e Semanur Karaman per Open Democracy, 3 maggio 2017, trad. Maria G. Di Rienzo.)

“Cos’è lo stato? Noi siamo lo stato! Lo stato è lo stato grazie a noi.” disse Havva Ana (Madre Eva), una donna di 63 anni che, nel luglio 2015, partecipò a una dimostrazione per bloccare la demolizione delle antiche foreste a Rize, in Turchia.

havva ana

Quel che Havva Ana (in immagine qui sopra) intendeva è che lo stato dipende dal popolo per la sua legittimazione – e che non deve dare priorità al profitto a breve termini rispetto ai diritti e al benessere. Le foreste di Çamlıhemşin hanno, per centinaia di anni, fornito mezzi di sussistenza e connessioni ancestrali nella regione del Mar Nero.

Messa di fronte alla distruzione, la donna ha resistito ai bulldozer e alle forze di sicurezza, formando una…

View original post 812 altre parole

16 maggio 2017 / miglieruolo

Tre chilometri di molestie

Lunanuvola's Blog

Per andare a scuola (secondaria superiore) dal loro villaggio devono camminare tre chilometri. Ma sono tre chilometri di calvario, perché uomini e ragazzi – specialmente in moto, con i caschi che nascondono i loro volti – le molestano e le aggrediscono per tutta la strada. L’anno scorso, nello stesso distretto, una studente fu stuprata mentre si recava a lezione e le sue coetanee di due paesini smisero completamente di andare a scuola.

Anche le ragazze di Gothera Tappa Dahena, il villaggio indiano di cui si tratta hanno smesso di andare a scuola, ma perché stanno protestando. Dopo aver denunciato le loro difficoltà alle autorità scolastiche (sorde) e al consiglio di villaggio (il capo è solidale ma non ha potere / giurisdizione bastanti a intervenire con successo), sono entrate in sciopero della fame da mercoledì 10 maggio.

School Girls

Sono circa 80, quattro si sono sentite male e sono state portate in ospedale…

View original post 185 altre parole

14 maggio 2017 / miglieruolo

PID

Briciolanellatte Weblog

Ci tenevo molto a intervistarla soprattutto dopo il presunto scandalo del colpo di Stato in Ukbezia dove, si dice, abbia fatto arrivare negli ultimi anni consistenti rifornimenti militari nonostante l’embargo. Essendo notorio il suo astio nei confronti dei giornalisti in genere, d’accordo con Max A’bner, mio amico fraterno e amico personale di Lei, mi son fatto invitare a casa sua spacciandomi per un mediatore immobiliare internazionale, visto che si era risaputo volesse acquistare un megaranch a Los Rojos. L’invito era per una cena in Villa per sole quattro persone: io, Max, una certa Angheleta, un’imprenditrice di import/export di rum di Caracas, cui Lei si è rivolta per tutta la serata con il nome di ‘Bibi bella’ (mi è sfuggito però il cognome che forse era Varela o qualcosa di simile), e, appunto, Lei, che, per ragioni di sicurezza mia personale, chiamerò qui con un nome di fantasia: PID.
Devo dire che di persona è una signora piacente…

View original post 898 altre parole