Skip to content
23 novembre 2017 / miglieruolo

Nessuna scusa per l’abuso

Lunanuvola's Blog

tweet polizia

L’account Twitter di una stazione di polizia scozzese, operativa nella zona di Lochaber e nell’isola di Skye, è famoso per l’arguzia dei suoi messaggi e per l’affettuosa familiarità che usa nel relazionarsi ai cittadini. Nel gennaio 2016 uno dei suoi tweet fu ripubblicato migliaia di volte: riguardava della cocaina “smarrita”: “Se stasera torni nella tua casa a Skye e ti accorgi che la cocaina manca ce l’abbiamo noi, alla stazione di polizia.” L’hashtag aggiungeva: Vorremmo parlarti un attimo.

Il 18 novembre 2017 la polizia di Lochaber e Skye ha raggiunto di nuovo un pubblico internazionale, con questo messaggio:

“Lettera a una giovane donna che vive a Skye.

Sappiamo che segui questo account e vogliamo che tu veda questo.

Ti abbiamo detto in precedenza che pensiamo tu sia a rischio di abuso domestico da parte del tuo partner. Vogliamo aiutarti e stiamo facendo molte cose con altri enti nel tentativo…

View original post 219 altre parole

Annunci
23 novembre 2017 / miglieruolo

Un paese in cui sognare e vivere

Lunanuvola's Blog

Rebeca Lane - foto di Cynthia Vance

Rebeca Eunice Vargas, in arte Rebeca Lane (in immagine), è nata a Città del Guatemala il 6 dicembre 1984, nel pieno della guerra civile che stava devastando il suo paese. Il nome Rebeca le è stato dato in memoria di una zia, rapita da agenti del governo militare nel 1981 per la sua attività politica e conseguentemente “scomparsa”.

Sin da giovanissima, Rebeca è stata un’attivista nelle organizzazioni che investigavano sui loro familiari rapiti o uccisi dall’esercito e nei movimenti per il cambiamento sociale, movimento femminista compreso. Ha deciso che le sue capacità artistiche potevano essere usate per esporre e condannare la violenza e così è diventata una “artivista”: teatro, cabaret, musica, programmi radiofonici, poesia, graffiti, danza… Rebeca partecipa a gruppi o ha fondato gruppi in tutti questi campi, ma è maggiormente nota come artista hip hop.

La settimana scorsa era in tour in Canada. Jackie McVicar, che lavora con i…

View original post 494 altre parole

21 novembre 2017 / miglieruolo

La Scienza della Fantascienza – intervista all’autore

Il tredicesimo cavaliere 2.0

SCdFS coverLa Scienza della Fantascienza è un libro eccezionale.

Ne abbiamo già parlato qui sulTredicesimo Cavaliere,dando ampio spazio all’indice di quella edizione, sempre utile per farsi un’idea dei contenuti. Io personalmente l’ho fatto anche sulle pagine di “Nigralatebra” un mio sito di qualche anno fa. Definire questo libro è molto difficile, dato che non è un saggio strettamente scientifico, nè in senso stretto letterario, dato che si occupa di quella specifica realtà che è la scienza inventata dagli scrittori di fantascienza, e quindi di una invenzione semi o para-scentifica che scienza non è eppure non è negazione della scienza, giacché è cosa nota, nella fantascienza non c’è spazio per la magia, ergo tutto quello che vi accade deve essere “scientificamente possibile” per quanto improbabile.

Sono questi argomenti scottanti sui quali gli appassionati si scontrano da sempre. Dopo la riedizione, la terza in più di 30 anni di questo libro…

View original post 1.969 altre parole

21 novembre 2017 / miglieruolo

Le Origini della Fantascienza Italiana

Il tredicesimo cavaliere 2.0

Armando Silvestri Cesare Falessi Massimo Jacoponi Ali Nuove Cartografia dell'Inferno

  Aveva appeso ad una parete nel suo studiolo di casa, zeppo ovviamente di libri e carte, una caricatura: si vedeva un personaggio alto e magro con la testa tonda in piedi dietro una scrivania che guarda verso il basso un buffo alieno, e dice: “E così lei sarebbe uno scrittore di fantascienza”, o forse “E così lei vorrebbe pubblicare un racconto di fantascienza”, dopo tanto tempo non ricordo precisamente.

Armando Silvestri Cesare Falessi Massimo Jacoponi Ali Nuove Cartografia dell'Inferno Cesare Falessi

Era una caricatura che di Cesare Falessi aveva fatto un artista bravissimo, complicato e sfortunato, semplice e sensibile, Massimo Jacoponi, suicidatosi nel 1981 a soli 53 anni, un vero artista che sapeva fare di tutto: per Oltre il Cielo, fondato da Armando Silvestri (1909-1990) e di cui Cesare Falessi era il direttore responsabile, illustrava racconti e articoli, realizzava splendide copertine a colori, ma anche vignette umoristiche. Soltanto che quella, in cui Cesare si era subito riconosciuto…

View original post 2.108 altre parole

19 novembre 2017 / miglieruolo

mille e una donna

cristina bove

via dai  giardini dell'eden  wp - by CriBo

sono passate tutte
le bambine del mondo
e dentro me
stanno imparando l’arte d’invecchiare

View original post

17 novembre 2017 / miglieruolo

Se fosse una cucina in fiamme

Lunanuvola's Blog

(“If racism was a burning kitchen” – “Se il razzismo fosse una cucina in fiamme”, scena teatrale in tre atti – più un quarto in premio – di Christy NaMee Eriksen. Trad. Maria G. Di Rienzo. L’Autrice, in immagine, è un’artista multimediale e pluripremiata, nata in Corea del Sud e cresciuta in Alaska, che usa la creatività come attrezzo per l’attivismo sociale e la creazione di comunità “inclusive rispetto alle differenze e dotate di voci forti”. Il suo linguaggio preferito è la poesia.)

Christy - foto di AnnaMin

ATTO I: SE IL RAZZISMO FOSSE UNA CUCINA IN FIAMME

Una persona asiatica (A) e una persona caucasica (C) sono in una cucina. La cucina è in fiamme.

A: Accidenti. La cucina sta bruciando?

C: Mi stai dando del piromane?! Io non sono un piromane!

A: Mi sto letteralmente scottando. Sono del tutto sicura che la cucina è IN FIAMME.

C: Non ho costruito io questa casa!…

View original post 303 altre parole

16 novembre 2017 / miglieruolo

Campesinas

Lunanuvola's Blog

non solo hollywood

(Non è solo Hollywood. E’ semplicemente che la maggior parte di noi viene ferita da persone che non raggiungeranno mai i titoli principali dei giornali.)

Care Sorelle,

scriviamo a nome delle circa 700.000 donne che lavorano nei campi dell’agricoltura e dello stoccaggio nei capannoni in tutti gli Stati Uniti. Durante le parecchie ultime settimane abbiamo visto e ascoltato con tristezza mentre apprendevamo delle attrici, modelle e altre persone che si sono fatte avanti per parlare apertamente della violenza di genere di cui hanno fatto esperienza per mano dei loro capi, colleghi e ulteriori individui potenti nell’industria dell’intrattenimento.

Ci piacerebbe poter dire che siamo sbalordite nell’apprendere come questo sia un tale pervasivo problema nella vostra industria. Sfortunatamente, non siamo sorprese perché è una realtà che conosciamo sin troppo bene. Innumerevoli agricoltrici da una parte all’altra del nostro paese soffrono in silenzio a causa delle diffuse molestie e aggressioni sessuali…

View original post 329 altre parole